Uccise la moglie e il figlio di 5 anni, suicida in carcere Alexandro Riccio

·1 minuto per la lettura
(Photo: Alexandro Riccio)
(Photo: Alexandro Riccio)

Si è suicidato nella notte tra sabato e domenica in una cella del carcere di Ivrea (Torino) Alexandro Riccio, il 39enne che lo scorso 29 gennaio, a Carmagnola, ha ucciso la moglie Teodora Casasanta e il figlioletto Ludovico, di appena 5 anni. La notizia, anticipata dall’edizione online del Corriere della Sera, è stata confermata all’ANSA. Riccio aveva ucciso la moglie e il figlio nel sonno con diverse coltellate per poi tentare il suicidio lanciandosi dal balcone di casa.

Riccio, secondo quanto appreso, si è impiccato con i pantaloni della tuta a una inferriata della cella mentre il compagno dormiva. La Procura di Ivrea ha aperto un fascicolo.

“Lasciatemi farla finita”, aveva detto l’uomo ai carabinieri che lo scorso 29 gennaio lo avevano soccorso per primi a Carmagnola, nel Torinese, dopo che si era tagliato le vene dei polsi e lanciato dal balcone di casa. Poco prima aveva ucciso a coltellate la moglie Teodora, sua coetanea, e il figlio Ludovico di appena cinque anni.

Dietro la violenza, secondo quanto appurato dalle indagini coordinate dalla procura di Asti, competente per territorio, la decisione della donna di mettere fine al matrimonio. “Vi porto via con me”, il biglietto dell’uomo che i carabinieri trovarono nell’abitazione dopo il duplice omicidio. Una intenzione, quella di suicidarsi, che evidentemente l’uomo non aveva abbandonato.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli