Uccisione Soleimani culmine un anno e mezzo di tensioni Iran-Usa -5-

Bea

Roma, 3 gen. (askanews) - Il 30 agosto l'agenzia atomica dell'Onu conferma che Teheran sta progressivamente violando i limiti imposti dall'accordo sul nucleare. I ribelli yemeniti houthi il 14 settembre rivendicano attacchi contro due impianti della saudita Aramco, che interrompono quasi metà della produzione di greggio del maggior esportatore mondiale.

Gli scambi di accuse proseguono insieme ai tentativi falliti di dialogo, fino a dicembre, quando una pioggia di missili colpisce alcune basi americane nel nord dell'Iraq. Muore un contractor statunitense. L'aviazione americana risponde il 29 dicembre con un attacco a cinque basi di Kataeb Hezbollah, milizia irachena sostenuta dall'Iran, in Iraq e in Siria. Muoiono 25 persone, i feriti sono decine. (Segue)