Trump: "Ucciso il figlio di bin Laden, duro colpo per al Qaeda"

webinfo@adnkronos.com

"La morte di Hamza bin Laden non solo priva al Qaeda di importanti capacità di leadership ed una connessione simbolica con il padre, ma compromette anche importanti attività operative del gruppo". E' quanto ha affermato il presidente Donald Trump in una dichiarazione in cui conferma che il figlio di Osama bin Laden è stato "ucciso in un'operazione di anti-terrorismo degli Usa nella regione dell'Afghanistan-Pakistan". Nella dichiarazione Trump ha aggiunto che "Hamza bin Laden era responsabile della pianificazione e della gestione di vari gruppi terroristici".  

Già alla fine di agosto il segretario alla Difesa Usa, Mark Esper, aveva rilasciato una dichiarazione in cui sembrava confermare la notizia della morte di Hamza bin Laden diffusa dai media Usa a luglio. "E' quanto mi risulta", aveva detto Esper rispondendo a una domanda di Fox News il 22 agosto scorso. "Non ho dettagli", aveva però poi aggiunto.  

A fine luglio era stata l'emittente Nbc a dare notizia di informazioni d'intelligence ottenute dagli Stati Uniti sulla morte di Hamza bin Laden, precisando che non c'erano dettagli relativi alla data e al luogo del decesso e che non era chiaro se gli Stati Uniti avessero avuto un ruolo nella vicenda. 

Lo scorso febbraio, il Dipartimento di Stato Usa aveva annunciato una taglia da un milione di dollari per chiunque avesse informazioni su Hamza bin Laden, definito dall'antiterrorismo "leader emergente di al Qaeda, che ha minacciato attacchi contro gli Stati Uniti ed i suoi alleati".