Ucraina: ambasciatore polacco all'Onu, 'Varsavia ha agito con piena moderazione'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Varsavia, 17 nov. (Adnkronos) – L'ambasciatore della Polonia presso le Nazioni Unite afferma che il paese ha agito con "piena moderazione" dopo che un missile di sospetta fabbricazione russa è caduto all'interno del suo confine martedì, uccidendo due cittadini polacchi e suscitando timori di un'escalation nella guerra della Russia contro l'Ucraina.

Intervenendo ieri al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Krzysztof Szczerski ha affermato che la Polonia ha immediatamente avviato una "ampia indagine multifase" sull'incidente, che secondo Varsavia e la Nato è stato probabilmente causato da un missile lanciato dalle forze ucraine che difendono il loro paese dagli attacchi russi. "La Polonia sta anche conducendo intense consultazioni sull'incidente con i suoi alleati della Nato e partner chiave", ha affermato, osservando che l'incidente ha spinto la Polonia ad aumentare la prontezza al combattimento di un'unità delle forze armate focalizzata sul monitoraggio dello spazio aereo.

Szczerski ha affermato che l'incidente "ci insegna quanto siamo vicini alla potenziale escalation della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina con conseguenze di vasta portata che tutti possiamo percepire". Ha aggiunto che le due vittime polacche "non sarebbero state uccise se non ci fosse stata la guerra russa contro l'Ucraina. La loro unica colpa era il fatto che vivevano vicino alle infrastrutture civili sul lato ucraino del confine che la Russia continua ad attaccare come obiettivo militare".