Ucraina,Ap: Zelensky preoccupato per pressioni Trump già a maggio

A24/Pca

New York, 23 ott. (askanews) - Oltre due mesi prima della telefonata che ha poi dato il via all'indagine per il possibile impeachment di Donald Trump, il neoeletto capo di Stato ucraino, Volodymyr Zelensky, era già preoccupato per la pressione del presidente statunitense affinché indagasse sull'ex vicepresidente Joe Biden.

Secondo l'Associated Press, il 7 maggio scorso, Zelensky riunì un gruppo di consiglieri a Kiev; durante l'incontro, durato circa tre ore, i presenti avrebbero parlato solo di come affrontare le pressioni di Trump e del suo avvocato personale, Rudy Giuliani, e di come evitare di finire invischiati nelle elezioni statunitensi. L'incontro, di cui hanno parlato tre fonti, sarebbe quindi avvenuto prima della cerimonia d'inaugurazione del presidente Zelensky, poco più di due settimane dopo la sua vittoria e la telefonata di congratulazioni di Trump.