Ucraina, Blinken a Kiev: "In settimana ritorno diplomatici Usa. Altri 700 milioni di aiuti"

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – I diplomatici statunitensi torneranno in Ucraina a partire da questa settimana. Lo ha annunciato il segretario di Stato Antony Blinken al presidente ucraino Volodymyr Zelensky durante il loro incontro a Kiev. Lo riferisce la Cnn che cita un alto funzionario del Dipartimento di Stato. Blinken e il segretario alla Difesa Lloyd Austin hanno fatto un viaggio senza preavviso a Kiev dove hanno incontrato Zelensky e altri funzionari ucraini, diventando così i funzionari statunitensi di più alto livello ad aver viaggiato nel paese dall'inizio dell'invasione russa . Nell'incontro hanno discusso dell'assistenza militare americana all'Ucraina e dell'intenzione dell'amministrazione Biden di fornire un ulteriore aiuto militare diretto e indiretto di oltre 700 milioni di dollari a Kiev.

Blinken ha anche affermato che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden nominerà Bridget Brink ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina. Il posto è rimasto senza un ambasciatore confermato da quando Marie Yovanovitch è stata richiamata nel maggio 2019. Brink è l'attuale ambasciatore degli Stati Uniti in Slovacchia.

In uno, il presidente americano Joe Biden ha sottolineato "noi continueremo a sostenere gli ucraini nella loro battaglia per difendere la loro terra". "Due mesi dopo che Putin ha lanciato un attacco non provocato e non giustificato all'Ucraina, Kiev ancora resiste. Il presidente Zelensky e il suo governo democraticamente eletto resta al potere", si legge nel post. Da parte sua, Zelensky con un tweet si è detto "grato a Biden e al popolo per la leadership nel sostenere l'Ucraina. Oggi il popolo ucraino è unito e forte e l'amicizia e la partnership tra Ucraina e Stati Uniti è più forte che mai".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli