Ucraina: Borghi (Pd), 'armi a Kiev? Con Draghi, giusto inviarle'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 17 apr. (Adnkronos) – "Sulla questione delle armi ci riconosciamo in pieno nelle dichiarazioni rese oggi dal Presidente Draghi al Corriere della Sera. Non possiamo commuoverci davanti alle stragi di civili, alle fosse comuni, agli stupri, alle bombe su case, ospedali e civili e poi girare canale e pensare ad altro, dentro quella che Mounier definiva 'l’utopia dei sedentari'. Non ci si può tenere ai margini quando c’è un aggressore e un aggredito, quando c’è un forte prepotente che aggredisce qualcuno di più debole". Così Enrico Borghi, responsabile Sicurezza del Partito Democratico, risponde alla domanda di Affaritaliani.it se sia giusto che l'Italia continui a inviare armi all'Ucraina.

"Noi democratici non siamo bellicisti, per noi la pace va perseguita e costruita, ma essa non è una resa all’arbitrio e alla violazione dei diritti internazionali e umani. E non c’è pace senza giustizia", aggiunge.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli