Ucraina, Cacciari: "Gabrielli desecreta bollettino? Una farsa"

(Adnkronos) - "Mi piacerebbe sapere se questa farsa l'abbia commissionata il Governo, se sia frutto di qualche scriteriato all'interno dei Servizi, chi l'abbia trasmessa ai giornali. E' indegno, ma figuriamoci se lo sapremo mai, con tutto quello che è rimasto segreto in Italia di tutte le nostre tragedie. Quindi, non mi do certo pena se non sappiamo chi ha portato avanti e promosso questa barzelletta". Così Massimo Cacciari, raggiunto dall'Adnkronos, commenta le polemiche dopo le dichiarazioni del sottosegretario Franco Gabrielli sulla vicenda del bollettino sulla sicurezza e delle cosiddette 'liste dei putiniani'.

"Non mi stupisce nulla, tanto meno mi stupisce il fatto che alcuni settori dei Servizi in Italia facciano cose incresciose -scandisce Cacciari- E' una cosa che se da un lato è una farsa che non ha nessuna importanza e nessun significato, dall'altro è gravissima, perché denota il clima con cui il Governo e le forze politiche che lo sostengono, quasi tutte, hanno affrontato questa tragedia. Un clima culturalmente indegno. Un linguaggio perennemente emergenziale, nessuna analisi, nessuna critica o autocritica sul modo in cui l'Europa si è comportata sino ad oggi. Semplicemente immagini e propaganda", è l'affondo del filosofo.

"Questo è preoccupante -aggiunge Cacciari- Non il fatto che un qualche settore dei Servizi, magari anche per iniziativa propria, si sia inventato un'indagine e qualcuno l'abbia trasmessa ad un giornale che poi l'ha pubblicata. Tutte cose incresciose, ovviamente. Ma non è questo il problema, bensì il modo in cui si sta affrontando questa tragedia. In Italia in modo particolare, assai più che in Francia, in Germania, o altrove".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli