Ucraina, Coop a Manifestazione per la Pace organizzata di Europe For Peace domani a Roma

(Adnkronos) - Coop aderisce alla Manifestazione nazionale per la Pace organizzata da Europe For Peace il 5 novembre 2022 a Roma, con le cooperative di consumatori che stanno raccogliendo iscrizioni e organizzando la partecipazione, per chiedere, così come pensato dagli organizzatori, l’immediato cessate il fuoco e l’apertura ad un proficuo negoziato. L’obiettivo è ottenere un’adesione numerosa dei soci di Coop, simile a quella ottenuta nella scorsa primavera alla Marcia della Pace ad Assisi. La manifestazione nazionale che vede impegnata Europe For Peace, coalizione animata dalla rete italiana pace e disarmo che riunisce 80 grandi realtà dell’associazionismo, ha raccolto anche l’adesione trasversale di grandi esponenti della società civile, laici e cattolici, tra cui anche i sindacati.

“Il conflitto in Ucraina ormai da febbraio fa vittime e distrugge una terra che si è dimostrata essere una risorsa per l’intero pianeta – affermano da Coop - Dopo mesi di tentativi includenti di trattativa l’invasione della Russia continua oggi a fare strage di vite innocenti, a colpire popolazioni civili, distruggere non solo obiettivi militari, ma anche edifici civili, scuole, ospedali, intere vite e famiglie. Un’aggressione che non ha giustificazione e che vede oggi la Russia alzare ancora di più i toni del conflitto fino a minacciare una guerra nucleare. L’Italia, l’Europa e il mondo devono ribadire in ancora di più il sostegno alle popolazioni colpite, la difesa al diritto alla libertà e all’autodeterminazione e operare senza tregua per la cessazione delle ostilità e per l’apertura di un negoziato. Pace e libertà sono necessità inscindibili e globali”.

Per Coop questa partecipazione è parte integrante di una campagna di sostegno alla popolazione ucraina partita agli inizi di marzo con la mobilitazione #CoopforUcraina a fianco di Unhcr, Medici Senza Frontiere e Comunità di Sant’Egidio; una mobilitazione che ha raccolto oltre 1,2 milioni di euro (500.000 stanziati dalle cooperative e il resto donati) che sono stati destinati a progetti di assistenza e accoglienza. La campagna inoltre si è articolata sui singoli territori con numerose iniziative collaterali di solidarietà: raccolte alimentari, donazioni di prodotti di primo soccorso, raccolte di prodotti per l’infanzia, oltre all’esposizione della bandiera della Pace all’ingresso dei principali punti vendita.