Ucraina: Denisova, 'maggiore produttore sale del Paese costretto a chiudere per bombe '

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 mag. (Adnkronos) – L'attacco russo , con continui bombardamenti e attacchi missilistici sulle miniere e i materiali dell'Artemsil State Enterprise, costringe a chiudere il più grande produttore di sale ucraino. Lo comunica la Commissaria per i diritti umani, Lyudmilla Denisova, sulla sua pagina telegram.

Inoltre i missili russi hanno danneggiato dozzine di centrali solari ed eoliche nella regione Kherson, causando la chiusura di diverse società di energia verde, tra cui Sivashenergoprom, che possiede il più grande parco eolico della regione con una capacità di oltre 250 megawatt, prosegue la commissaria.

Dall'inizio della invasione militare su vasta scala della Federazione russa nella regione Luhansk, più di 3mila imprese hanno smesso di funzionare. Il danno ammonta a circa 3mld di Uah. Il bombardamento di strutture civili è un crimine di guerra ai sensi dell'articolo 8 dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale, conclude Denisova. La compagnia di stato Artemsil è la più grande società per l'estrazione di sale e sale da tavola dell'Europa centrale e dell'est. Fondata nel 1881, la compagnia si trova a Soledar, nella regione Donetsk. Nel 2020 ha prodotto 1milione 800mila tonnellate di sale, che ha venduto in 15 paesi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli