Ucraina, dg Ukrposhta: "Servizio postale essenziale in guerra"

(Adnkronos) - Il francobollo con il dito medio all'incrociatore russo Moskva , poi affondato, ma anche contrassegni dedicati al cane anti-mina Patron, premiato da Zelensky, alla vittoria della Kalush Orchestra all'Eurovision Song Contest 2022 e all'aereo più grande del mondo, l'Antonov An-225 'Mriya', distrutto a fine febbraio a Hostomel, vicino Kiev. Sono tante le iniziative a supporto della resistenza ucraina lanciate da Ukrposhta, il servizio postale statale, diventato "durante la guerra ancor più fondamentale - spiega all'Adnkronos il direttore generale Igor Smelyansk - dal momento che molte banche e negozi hanno chiuso e alcune aree del Paese sono rimaste senza elettricità e cibo, con le persone che hanno bisogno di ricevere beni di prima necessità e denaro".

Consegnarli a chi ne ha bisogno è un impegno che Ukrposhta ha assunto fin dall'inizio del conflitto, rendendo il servizio postale ucraino un obiettivo strategico per Mosca. "Per molte persone rappresentiamo una linea vitale. Se non ricevono le pensioni, ad esempio, possono pensare che il governo ucraino non si preoccupa per loro. Quindi è importante per i russi prenderci di mira, lo capisco", osserva Smelyansk, raccontando di danni quotidiani arrecati dai bombardamenti all'infrastruttura postale. "L'ultimo - dice - è di ieri, con la distruzione di un nostro grande magazzino a Mykolaiv".

Il pericolo è anche per i postini che lavorano nelle zone in cui i combattimenti sono più caldi. "Abbiamo perso circa 10-15 persone. Due mentre stavano facendo consegne nella regione di Zaporizhia. Gli altri sono stati uccisi nelle loro case. E non sappiamo esattamente quanti siano morti a Mariupol", dice il dg, spiegando che "dal primo attacco, abbiamo stabilito regole più strette. Tutte le mattine ci confrontiamo con le forze speciali dell'esercito, per essere certi che dove andiamo sia sicuro. Non solo per noi, ma anche per chi rende possibile il servizio, come i militari". Un margine di rischio però c'è sempre, "ma facciamo del nostro meglio. Cambiamo sempre i tragitti e tutte le mattine iniziano con una ricognizione delle strade, che i russi bombardano. Di fatto la decisione se fare o meno consegne in un luogo viene presa il giorno stesso".

Agli attacchi tradizionali si aggiungono quelli hacker, "aumentati - racconta Igor Smelyansk - da quando abbiamo iniziato a vendere i francobolli del Moskva. Adesso i cyber attack sono un qualcosa con cui dobbiamo fare i conti ogni giorno. Per quanto siamo prudenti e facciamo del nostro meglio, nessun sistema è impenetrabile al 100%. Quello che possiamo fare è cercare di essere più furbi di loro". Da qui - svela il numero uno del servizio postale ucraino - la decisione di trasferire online la vendita dei francobolli del Moskva, per non rendere facili bersagli le tante persone in fila per comprarli, e poi di allargare i canali di acquisto alle piattaforme "eBay e Amazon, che sono meno penetrabili di Ukrposhta".

Proprio online verranno messe in vendita venerdì 10 giugno gli ultimi 2 milioni di francobolli del Moskva affondato, con l'immagine del soldato che all'Isola dei Serpenti fa il dito medio all'incrociatore russo e la scritta 'done'. "Dopo che l'episodio - racconta il dg - è diventato famoso, abbiamo pensato che avrebbe potuto diventare un soggetto per un francobollo. Ovviamente ne abbiamo discusso, perché si trattava di un francobollo inusuale e per questo abbiamo deciso di farlo in modo artistico, lanciando una competizione nazionale, in cui 800 persone hanno votato per il disegno che poi ha vinto".

Attesissimo, il francobollo Moskva è andato a ruba quando "due giorni dopo che lo abbiamo lanciato, la nave è affondata. Tutti hanno pensato che anche il nostro francobollo successivo sarebbe stato 'predittivo' e ci hanno chiesto di farne uno su Putin", dice con un sorriso Smelyansk. Il contrassegno successivo, invece, quello con la scritta 'done', è stato dedicato proprio all'affondamento del Moskva. Anche perché "del primo francobollo avevamo prodotto un milione di copie, ma sono finite in 7-8 giorni. La gente ci chiedeva di stamparne altre, ma per legge non si può superare il numero annunciato".

Del secondo bollo sono state annunciate 5 milioni di copie. "A oggi - spiega - ne abbiamo vendute 3 milioni. Venerdì lanceremo il resto. E una parte sarà venduta anche all'estero su eBay e Amazon". Online si possono acquistare anche gadget, come tazze, magliette, felpe e cappelli con la stampa del francobollo Moskva. "Per ogni ordine internazionale da 49,99 dollari, cinque dollari vengono devoluti per scopi umanitari", spiega Smelyansk, precisando che "inizialmente i fondi dovevano andare a supporto del nostro esercito, ma le piattaforme internazionali non permettono questo tipo di raccolta". E così il ricavato, che a quanto dice il dg ha già superato i 500.000 dollari, sarà destinato, a seconda del francobollo acquistato, a diverse aree di intervento, dalla ricostruzione delle scuole, all'assistenza agli animali, fino alla ricostruzione delle infrastrutture postali distrutte.

Dopo l'ultima tranche di vendita del francobollo del Moskva affondato, il contrassegno 'Ukrainian dream', con il disegno per bambini dell'Antonov distrutto, "verrà lanciato entro la fine di giugno. Poi seguiranno i francobolli per il cane Patron e 'Goodevening from Ukraine', che pianifichiamo di lanciare in estate, a luglio e ad agosto", dice il numero uno di Ukrposhta. Bisognerà attendere un po' più a lungo per il bollo dedicato alla vittoria della Kalush Orchestra all'Eurovision Song Contest 2022. "Ci stiamo lavorando, ma ci sono i tempi della burocrazia da rispettare, per essere sicuri di avere i diritti e di rispettare le regole. Non è semplice", dice Smelyansk.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli