Ucraina: domenica le elezioni legislative, in arrivo gli 'Zelennials'

webinfo@adnkronos.com
Si terranno domenica le elezioni legislative anticipate in Ucraina. Elezioni che segneranno un cambio di generazione dei deputati della Verkhovna Rada, dove si prevede l'arrivo in massa di esponenti del nuovo partito creato in poche settimane dal presidente Volodymir Zelensky, neofiti della politica come il loro leader 41enne ed ex attore che vengono già definiti "Zelennials", in onore alla loro età e affiliazione politica (la maggior parte dei candidati è alla sua prima campagna elettorale e secondo i sondaggi il 70 per cento dei seggi potrebbe cambiare di mano).  I sondaggi anticipano che il 42-45 per cento dei voti andrà al partito Servo del popolo (stesso nome della serie televisiva in cui Zelensky impersonava un presidente per caso votato alla lotta alla corruzione).  Dovrebbero poi entrare in Parlamento deputati del filo russo Piattaforma dell'opposizione-Per la vita (una delle due forze che discende dal Partito delle Regioni di Viktor Yanukovich, per cui è previsto comunque solo il 12-13 per cento dei consensi), di Solidarietà europea dell'ex presidente Petro Poroshenko, Patria di Yulia Tymoshenko, e Voce, un altro nuovo partito con gli stessi obiettivi dichiarati di Servo del potere, della rockstar Slava Vakarchuk (tutti e tre fra il sei e il nove per cento dei consensi previsti). E' quindi con Voce che Servo del Popolo potrebbe allearsi per formare una coalizione di governo stabile.  Che poi i nuovi volti porteranno il reale cambiamento auspicato dagli elettori delusi da riforme dai risultati troppo lenti per le loro aspettative soprattutto sul fronte della lotta alla corruzione e all'aumento degli standard di vita, o se segneranno solo l'abile trasformazione della classe politica storicamente associata in Ucraina agli oligarchi (uno dei quali, Ihor Kolomoisky, è il proprietario dell'emittente televisiva che trasmette gli show di Zelensky e che subito dopo la sua vittoria alle presidenziali ha fatto ritorno in Ucraina dall'esilio), lo si comprenderà dopo le elezioni della Rada.  La prima indicazione delle reali intenzioni di Zelensky sarà il futuro di Andriy Bogdan, l'ex avvocato di Kolomoisky nominato capo di gabinetto dal nuovo presidente. Se sarà nominato premier, con la spinosa vicenda della nazionalizzazione della PrivatBank di Kolomoisky da ridiscutere, il reale cambiamento dell'Ucraina potrebbe essere nuovamente rimandato. Nel caso non lo faccia e scelga un governo forte, potrebbe essere questa la migliore opportunità per il paese di trasformare il suo futuro dal 1991, come sottolinea il Financial Times.

Si terranno domenica le elezioni legislative anticipate in Ucraina. Elezioni che segneranno un cambio di generazione dei deputati della Verkhovna Rada, dove si prevede l'arrivo in massa di esponenti del nuovo partito creato in poche settimane dal presidente Volodymir Zelensky, neofiti della politica come il loro leader 41enne ed ex attore che vengono già definiti "Zelennials", in onore alla loro età e affiliazione politica (la maggior parte dei candidati è alla sua prima campagna elettorale e secondo i sondaggi il 70 per cento dei seggi potrebbe cambiare di mano).  

I sondaggi anticipano che il 42-45 per cento dei voti andrà al partito Servo del popolo (stesso nome della serie televisiva in cui Zelensky impersonava un presidente per caso votato alla lotta alla corruzione).  

Dovrebbero poi entrare in Parlamento deputati del filo russo Piattaforma dell'opposizione-Per la vita (una delle due forze che discende dal Partito delle Regioni di Viktor Yanukovich, per cui è previsto comunque solo il 12-13 per cento dei consensi), di Solidarietà europea dell'ex presidente Petro Poroshenko, Patria di Yulia Tymoshenko, e Voce, un altro nuovo partito con gli stessi obiettivi dichiarati di Servo del potere, della rockstar Slava Vakarchuk (tutti e tre fra il sei e il nove per cento dei consensi previsti). E' quindi con Voce che Servo del Popolo potrebbe allearsi per formare una coalizione di governo stabile.  

Che poi i nuovi volti porteranno il reale cambiamento auspicato dagli elettori delusi da riforme dai risultati troppo lenti per le loro aspettative soprattutto sul fronte della lotta alla corruzione e all'aumento degli standard di vita, o se segneranno solo l'abile trasformazione della classe politica storicamente associata in Ucraina agli oligarchi (uno dei quali, Ihor Kolomoisky, è il proprietario dell'emittente televisiva che trasmette gli show di Zelensky e che subito dopo la sua vittoria alle presidenziali ha fatto ritorno in Ucraina dall'esilio), lo si comprenderà dopo le elezioni della Rada.  

La prima indicazione delle reali intenzioni di Zelensky sarà il futuro di Andriy Bogdan, l'ex avvocato di Kolomoisky nominato capo di gabinetto dal nuovo presidente. Se sarà nominato premier, con la spinosa vicenda della nazionalizzazione della PrivatBank di Kolomoisky da ridiscutere, il reale cambiamento dell'Ucraina potrebbe essere nuovamente rimandato. Nel caso non lo faccia e scelga un governo forte, potrebbe essere questa la migliore opportunità per il paese di trasformare il suo futuro dal 1991, come sottolinea il Financial Times.