Ucraina, Draghi: "Ho provato fino alla fine a fermare Putin"

·1 minuto per la lettura

(Adnkronos) - Ucraina, "ci siamo telefonati con il presidente Putin prima dell’inizio della guerra: ci siamo lasciati con l’intesa che ci saremmo risentiti. Alcune settimane dopo però Putin ha lanciato l’offensiva. Ho provato fino alla fine a parlargli". Lo dice il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un'intervista al Corriere della Sera, raccontando di essere rimasto in contatto con il presidente russo fino a qualche giorno prima della strage di Bucha. E racconta che nell'ultima telefonata "gli ho detto che lo chiamavo per parlare di pace. Gli ho chiesto: 'Quando vi vedete con Zelensky? Solo voi due potete sciogliere i nodi'. Mi ha risposto: 'I tempi non sono maturi'. Ho insistito: 'Decidete un cessate il fuoco'. Ancora 'No: i tempi non sono maturi'. Dopo di che mi ha spiegato tutto sul pagamento del gas in rubli, che allora non era ancora stato introdotto. Ci siamo salutati con l’impegno di risentirci entro pochi giorni. Poi è arrivato l’orrore di Bucha. Comincio a pensare che abbiano ragione coloro che dicono: è inutile che gli parliate, si perde solo tempo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli