Ucraina, ex premier russo Kasyanov: non riconosco più Putin

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 giu. (askanews) - È stato il primo capo del governo di Vladimir Putin. Ma anche nei suoi peggiori incubi, Mikhail Kasyanov non avrebbe potuto immaginare che il suo ex leader si imbarcasse nell'invasione dell'Ucraina. "Il Putin che conoscevo era diverso", ha detto Kasyanov in un'intervista video con l'Afp in cui ammonisce: "se cade l'Ucraina i prossimi a rischiare saranno i paesi baltici".

Mikhail Kassianov, primo ministro russo dal 2000 al 2004 prima di passare all'opposizione, stima che la guerra potrebbe durare fino a due anni, ma crede ancora che la Russia un giorno tornerà su un "percorso democratico". A 64 anni, l'ex ministro di Vladimir Putin, che ha lavorato per il riavvicinamento tra Mosca ei Paesi occidentali, spiega che non pensava, come molti russi, che sarebbe scoppiata una guerra.

Kasyanov aggiunge di aver capito cosa stava per accadere tre giorni prima dell'invasione, quando Vladimir Putin ha convocato in una messa in scena ben ordinata i membri del suo Consiglio di Sicurezza per un incontro trasmesso in televisione. "Quando ho visto quella riunione del Consiglio di sicurezza russo, ho finalmente capito che sì, ci sarebbe stata una guerra", ha detto. "Conosco queste persone e guardandole ho visto che Putin non era lui stesso. Non dal punto di vista medico, ma politico", aggiunge.

Licenziato dal presidente nel 2004, Mikhail Kassianov si è unito all'opposizione ed è diventato uno dei più accaniti critici del Cremlino. Ora guida il Partito della Libertà del Popolo (PARNAS), un piccolo partito liberale. Secondo il suo ex primo ministro, Vladimir Putin, un ex agente del KGB di 69 anni, ha costruito un sistema basato sull'impunità e sulla paura da quando è salito al potere nel 2000. "Fondamentalmente, è un sistema simile al KGB basato sulla totale impunità. È chiaro che non si aspettano di essere puniti", continua.

Mikhail Kassianov ha detto di aver lasciato la Russia a causa della sua opposizione all'offensiva russa in Ucraina, ma ha rifiutato di dire all'AFP in quale paese si trova, adducendo motivi di sicurezza. Boris Nemtsov, un critico di Vladimir Putin a cui Mikhail Kasyanov era vicino, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco vicino al Cremlino nel 2015. E Alexei Navalny, è stato imprigionato dopo essere sopravvissuto a un avvelenamento nel 2020.

"Se l'Ucraina cade, i paesi baltici saranno i prossimi" nella lista, aggiunge Kasyanov che ha detto di essere "categoricamente" in disaccordo con l'idea che Vladimir Putin non dovrebbe essere umiliato e di non pensare che l'Ucraina debba fare concessioni territoriali in cambio della pace. "Cosa avrebbe fatto Putin per meritarsi questo?", denuncia: "È una posizione fin troppo pragmatica. Penso che questo sia un errore e spero che l'Occidente non segua questa strada.

Per il periodo post-Putin, Mikhaïl Kassianov pensa che il suo successore sarà agli ordini dei servizi di sicurezza, ma che non potrà controllare a lungo il sistema in atto e che alla fine si organizzeranno elezioni democratiche. "Sono sicuro che la Russia tornerà sulla strada della costruzione di uno Stato democratico", ha detto, ma ci vorranno almeno una decina d'anni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli