Ucraina: Fassina (Leu), 'Draghi in Parlamento per voto su invio armi'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 mag. (Adnkronos) – "Formalmente non siamo co-belligeranti. Ma sul piano sostanziale siamo sempre più coinvolti in un’avventura militare che, da sostegno alla difesa dell’Ucraina, diventa ogni giorno in modo più esplicito regime change a Mosca. I governi europei, tutti, non soltanto il Governo Draghi, sono a rimorchio degli Stati Uniti. Non riescono a definire una posizione comune per spingere Washington ad avviare un negoziato. “Per la pace non c’è abbastanza volontà” ha affermato Papa Francesco. La responsabilità primaria è dell’aggressore. Ma chi guida la Nato a quale obiettivo punta? Il Governo deve venire al più presto in Parlamento per un altro voto sull’invio delle armi perché è cambiato l’obiettivo politico e militare". Lo ha detto il deputatao di Leu, Stefano Fassina, in un’intervista a Il Riformista.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli