Ucraina: Grossi (Aiea), 'situazione Chernobyl resta difficile'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 apr. – (Adnkronos) – La situazione generale nell'area intorno alla centrale nucleare di Chernobyl (NPP) "rimane difficile" a causa della distruzione di ponti e delle attività di sminamento, mentre l'autorità di regolamentazione nazionale non ha ancora avuto "l'opportunità di ispezionare” la struttura. Lo riferisce Rafael Mariano Grossi, direttore generale dell'Aiea, l'Agenzia internazionale per l'energia atomica, basandosi sulle informazioni che riceve dall'Ucraina.

Da quando le forze russe si sono ritirate da Chernobyl il 31 marzo, dopo cinque settimane, l'Ucraina ha adottato misure significative per il funzionamento sicuro e protetto della centrale, dalla rotazione del personale al ripristino delle comunicazioni dirette tra la centrale nucleare e l'autorità di regolamentazione che erano rimaste inattive per oltre un mese. "Ma – sottolinea Grossi – resta ancora molto lavoro per riportare il sito alla normalità".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli