Ucraina, il presidente Zelensky riceve un premio

·1 minuto per la lettura
Premio Zelensky
Premio Zelensky

Per aver lottato con sincerità e deteminazione per il futuro dell’Ucraina, il presidente Zelensky è stato insignito di un importantissimo premio. Al capo dello stato ucraino verrà infatti consegnato il “premio coraggio” che viene assegnato annualmente dalla John F. Kennedy foundation. La fondazione statunitense – si legge dal sito istuzionale – ha riconosciuto a Zelensky l’abilità di aver guidato il Paese difendendo al contempo “gli ideali democratici e l’indipendenza politica”.

Zelensky insignito di un premio: le motivazioni della fondazione statunitense

Queste dunque le motivazioni riportate nella nota scritta dalla JFK Library Foundation:

“Nel febbraio 2022, mentre la Russia conduceva un assalto militare massiccio sull’Ucraina, il presidente Volodymyr Zelensky mostrava lo spirito, il patriottismo e l’instancabile sacrificio del popolo ucraino in una lotta per la vita e la morte per il proprio Paese, una lotta che dura fino ad oggi. Dal primo momento dell’invasione, Zelensky e la sua famiglia sono diventati bersagli di uccisione da parte delle forze russe. Di fronte a questo pericolo costante, Zelensky ha guidato una coraggiosa difesa degli ideali democratici e dell’indipendenza politica. Con franchezza e chiarezza, ha puntato gli occhi del mondo sulla minaccia esistenziale che deve affrontare l’Ucraina e sulla necessità di un impegno e di una cooperazione internazionali solidi e intransigenti per salvaguardare tutte le società democratiche. La sua leadership di principio ha rafforzato la determinazione degli ucraini e delle persone in tutto il mondo a proteggere e difendere il fragile diritto umano all’autodeterminazione”.

Tra le persone che riceveranno il premio anche Liz Cheney

Oltre a Zelensky la fondazione statunitense consegnerà il premio anche a Liz Cheney. La donna fu uno dei pochi deputati della frangia repubblicana a scegliere di votare per l’impeachment dell’allora presidente degi Stati Uniti Donald Trump. Cheney – si legge dalla motivazione – ha ripetutamente “chiesto al presidente di rispettare le sentenze dei tribunali, il suo giuramento e a sostenere pubblicamente il trasferimento pacifico dei poteri”. Ad oggi in qualità di vice presidente della commissione sta indagando sui fatti di Capitol Hill avvenuti il 6 gennaio del 2021.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli