Ucraina, il sostegno di Nato e USA. Pronto un nuovo pacchetto di aiuti e armi

Da una parte la Nato rafforza le proprie difese, dall’altra ribadisce l’importanza del suo sostegno all’Ucraina. E lo fa in uno dei momenti più critici e difficili della guerra in corso mentre si combatte la battaglia decisiva per il Donbass.

Il ministro della Difesa ucraino ai suoi omologhi dell'Alleanza Atlantica ha ribadito quali sono le misure urgenti che servono nella campagna militare contro la Russia, a partire da un ulteriore invio di armi. Gli alleati della Nato si sono impegnati a continuare a fornire all'Ucraina "gli equipaggiamenti militari di cui ha bisogno per prevalere, incluse armi pesanti e sistemi a lungo raggio", come sottolineato dal Segretario generale Jens Stoltenberg, in conferenza stampa a Bruxelles.

Messaggio subito accolto anche dal Segretario alla Difesa statunitense. Lloyd Austin ha sottolineato che gli Stati Uniti sono pronti a fornire a Kiev un pacchetto da un miliardo di dollari per garantire assistenza in materia di sicurezza. Un piano che prevede l’invio di nuove forniture di sistemi di artiglieria e difesa missilistica per consentire all’Ucraina di fare fronte alle operazioni in corso.

Il pacchetto di Washington include anche 650 milioni di dollari per l'acquisto di due ulteriori sistemi di difesa costiera oltre a mirini termici e altre attrezzature per i militari. Un aiuto fondamentale ha ribadito il Presidente Volodymyr Zelensky in un video messaggio al parlamento ceco.

Il messaggio di Zelensy

"L'Ucraina deve avere tutto il necessario per vincere. Armi moderne e potenti per avere la meglio sull'esercito russo, ha sottolineato Zelenskz ricordando che non servono solo armi ma anche un sostegno finanziario per riuscire a sconfiggere Mosca i cui risparmi e ricavi sono ancora molto significativi. Da quando è iniziata la guerra, il 24 febbraio, la Russia ha già guadagnato troppo circa 93 miliardi di euro solo sulla vendita di energia".

Volodymyr Zelensky aveva ribadito - in un messaggio rivolto alla popolazione ucraina - ai partner occidentali della necessità da parte del Paese di armi moderne per fermare i missili russi. Missili che i dispositivi attualmente in dotazione delle forze armate ucraine non sono in grado di abbattere.”

Aiuti che arrivano ma che per Kiev non sono sufficienti. Il governo ucraino ha fatto sapere di aver ricevuto solo il 10% di quanto promesso. Per Zelensky si deve fare in fretta per fermare il nemico che avanza in un paese dove chi è rimasto continua a resistere.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli