Ucraina, inverno alle porte per 14 milioni di sfollati

Col rigido inverno alle porte, occorre più che mai far fronte a quello che è stato definito uno dei più veloci e grandi sfollamenti da molti decenni a questa parte.

Si stima che circa 14 milioni di persone siano state costrette a lasciare le proprie case dopo l'invasione dell'Ucraina: la valutazione giunge dall'Alto Commissario Onu per i rifugiati, Filippo Grandi.

Quest'ultimo non ci sta quando si dice che l'Europa non è in grado di fronteggiare la crisi.

Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The AP. All rights reserved
AP Photo - Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The AP. All rights reserved

"Nell'Unione europea - dice Grandi - abbiamo assistito a una risposta dei rifugiati ben gestita e soprattutto condivisa, non rispondente a molte delle affermazioni ripetute più volte da alcuni politici, secondo cui l'Europa sarebbe colma, che la ricollocazione è impossibile, che non c'è sostegno pubblico per i profughi".

Con le temperature in ribasso e la continua distruzione delle infrastrutture civili, Grandi ha ammesso che la risposta umanitaria sembra essere "una goccia nell'oceano dei bisogni".

Le ONG e altre agenzie debbono aumentare la loro risposta e molto probabilmente, in coindicenza del prosieguo della guerra, dovranno prepararsi ad ulteriori spostamenti per la popolazione.