Ucraina: Kiev, 'truppe russe via dal Paese prima di qualsiasi negoziato'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Kiev, 31 ott. (Adnkronos/Dpa/Europa Press) – Il ministero degli Esteri ucraino a Kiev ha dichiarato che la Russia deve ritirare tutte le sue truppe dal suolo russo prima che l'Ucraina si sieda per i negoziati con il Cremlino. "L'unica proposta realistica sarebbe la fine immediata della guerra russa contro l'Ucraina e il ritiro delle forze armate russe dal territorio ucraino", ha affermato il portavoce del ministero Oleh Nikolenko su Facebook, in risposta ai commenti del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov che ha confermato un'offerta di dialogo del presidente Vladimir Putin.

"Chi cerca davvero i negoziati non distrugge il sistema energetico del Paese per congelare la sua popolazione in inverno, non partecipa all'uccisione di massa di civili, non bombarda i quartieri residenziali, non annuncia la mobilitazione di migliaia di soldati, non blocca il grano e i rifornimenti, non emette ultimatum”, ha detto Nikolenko.

"La dichiarazione di Lavrov di preparazione ai negoziati non è altro che un'altra cortina di fumo per guadagnare tempo mentre l'esercito russo subisce sconfitte. Finché la Russia continuerà a commettere crimini in Ucraina, la risposta deve essere una, sul campo di battaglia", ha concluso Nikolenko.