Ucraina, il mezzosoprano russo Chepurnaia: "A Sant'Andrea della Valle il mio canto per la pace"

·2 minuto per la lettura

(Adnkronos) - "L'arte e la cultura dovrebbero unire e non dividere. Non penso che gli artisti russi debbano essere snobbati e cancellati dai teatri, come i grandi autori da Dostoevskij a Ciajakovskij. E' ingiusto e incomprensibile. Il popolo russo non ha scelto la guerra, non ha nessuna colpa. Questo conflitto i russi non l'hanno cercato, non l'hanno voluto". Così all'Adnkronos il mezzosoprano russo Liudmilla Chepurnaia che domani si esibirà nella Basilica di Sant'Andrea della Valle a Roma, accanto al soprano ucraino Eva Dorofeeva, nell'ambito della XXV edizione del Festival di Pasqua, fondato e diretto da Enrico Castiglione. Saranno accompagnate da un’orchestra appositamente formata da musicisti ucraini e russi diretta da Stefano che vedrà tra i protagonisti anche il giovanissimo soprano Kateryna Chebotova, di appena 20, che solo qualche giorno fa è riuscita ad riabbracciato in Italia la madre fuggita proprio dall’Ucraina.

Liudmilla Chepurniaia è nata nell'ex Unione Sovietica, in una regione che oggi appartiene allo Stato ucraino. "Mio nonno paterno è ucraino, ma da parte di mia madre sono tutti russi - aggiunge- Non mi sento di appartenere né alla Russia, né all'Ucraina. Nessun confine, nessuna separazione. Entrambi i Paesi fanno parte del mio dna, della mia storia, della mia cultura". E sul conflitto in corso spiega ancora: "La guerra non è scoppiata il 24 febbraio, era già in atto dal 2014. Ho ancora mia madre in Russia, vorrei rivederla - confessa- Ma per loro è impossibile uscire dal Paese. Io con la mia bambina di 4 anni siamo riuscite a fuggire dopo lo scoppio della guerra. Fortunatamente avevamo il doppio passaporto. Ma il viaggio è durato 5 giorni".

Il programma della serata prevede un vasto repertorio di musica sacra con brani e arie di Johann Sebastian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart, Arcangelo Corelli, Alessandro Stradella, Georges Bizet, Jules Massenet, Pietro Mascagni, César Franck. Non mancheranno duetti, che impegneranno insieme Eva Dorofeeva e Liudmilla Chepurnaia in estratti dallo Stabat Mater di Pergolesi, accanto al 'Panis Angelicus' dalla Messa Solenne di César Franck, compositore di cui quest’anno si festeggia il 200esimo anniversario della nascita.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli