**Ucraina: Maiani (Sica), 'Armi nucleari? Più la guerra si protrae più rischio aumenta'**

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 4 mag. – (Adnkronos) – Il rischio di arrivare, in questa guerra, all’utilizzo di armi nucleari è reale e l’unico modo per evitarlo, è un cessate il fuoco. “Più questa guerra continua, più aumenta il rischio che un evento improbabile come il ricorso ad armi nucleari possa avvenire, o per errore o per uno sbaglio di valutazione. Non possiamo escluderlo. L’unica soluzione alla minaccia nucleare è smettere di fare la guerra, arrivare a un cessate il fuoco e mettere attorno a un tavolo tutti gli attori coinvolti”, dice all’AdnKronos Luciano Maiani, presidente del Gruppo Sica (Sicurezza Internazionale e Controllo degli Armamenti) dell’Accademia dei Lincei.

Con la guerra in Ucraina, continua, “è riemersa la questione, per così dire dimenticata se non altro dall’opinione pubblica, del possibile utilizzo di armi nucleari in un conflitto. Una cosa di questo genere non è accettabile. La comunità scientifica internazionale auspica la necessità di arrivare il prima possibile a un cessate il fuoco e, quindi, a una riapertura del dialogo”.

Comunità scientifica unita nel chiedere “che venga rispettata la proibizione di test nucleari. Il segretario generale dell’organizzazione delle Nazioni Unite preposta a questo controllo ha fatto una dichiarazione pubblica auspicando che i Paesi che non hanno ancora aderito, lo facciano al più presto affinché i controlli possano essere fatti in maniera consensuale e organizzata. Questa guerra deve fermarsi per dar luogo a discussioni attorno a un tavolo e non a guerra in corso". (segue)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli