Ucraina, al via controffensiva forze Kiev in regione Kherson

(Adnkronos) - Le forze militari ucraine hanno lanciato una controffensiva nella regione di Kherson, occupata dai russi poco dopo l'inizio dell'invasione. Le operazioni sono iniziate nella notte. E' stato colpito un deposito di armi a Nova Kakhovka, ha annunciato il comando militare meridionale ucraino in un post su Facebook. Nell'attacco, è stato distrutto un obice e altri equipaggiamenti russi e uccisi 52 soldati. L'agenzia russa Ria Novosti ha reso noto il bilancio dell'attacco subito diffuso dal capo Amministrazione filorussa insediato a Nova Kakhovka, Viktor Leontiev: sette militari sono rimasti uccisi, quattro dispersi e decine di feriti. Sempre secondo fonti di Mosca, nell'attacco, le forze di Kiev avrebbero usato lanciarazzi Himars forniti dagli Stati Uniti.

Si aggrava intanto il bilancio del bombardamento di Chasiv Yar: almeno 34 persone sono morte e altre nove sono rimaste ferite dopo che sabato sera un attacco russo ha colpito un condominio nella città della regione di Kherson, nel sud dell'Ucraina. Il numero è stato confermato dal Servizio di emergenza statale dell'Ucraina in un post su Facebook, in cui si precisa che tra le nuove vittime c'è un minore.

Il servizio di emergenza ha rinvenuto nove persone ferite tra le macerie, anche se non escludono che se ne possano trovare altre, quindi le operazioni di soccorso continuano.

Da parte sua il capo della Difesa nazionale russa Mijaíl Mizintsev ha assicurato che oltre 22.000 persone sono state evacuate ieri dalle regioni separatiste di Donetsk e Lugansk. Mizintsev ha dichiarato inoltre che 4.433 auto private hanno attraversato il confine russo nell'ultimo giorno e 392.367 dall'inizio dell''operazione', come riportato dall'agenzia di stampa Tass. "Nonostante le difficoltà e gli ostacoli creati dal regime di Kiev - ha detto Mizintsev - durante il giorno ben 22.017 persone, tra cui 3.479 bambini, sono state evacuate dalle aree pericolose in varie regioni dell'Ucraina, e dalle regioni di Luhansk e Donetsk verso la Russia, senza la partecipazione della parte ucraina. Dall'inizio dell'operazione militare speciale, sono state evacuate fino a 2.481.664 persone, inclusi 390.578 bambini".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli