Ucraina, Mosca: "Aperta campagna anti-Russia in Italia"

(Adnkronos) - Aumentano "i sentimenti russofobi" in Italia, sui media c'è "un'aperta campagna antirussa". Lo denuncia l'ambasciata di Mosca a Roma in un post su Facebook, pubblicando stralci del rapporto del ministero degli Esteri russo "sulle violazioni dei diritti dei cittadini russi e dei connazionali all'estero". "Il lancio da parte della Federazione Russa di un'operazione militare speciale per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina e proteggere la popolazione civile del Donbass ha avuto un impatto piuttosto forte sulla situazione dei cittadini russi e dei connazionali che vivono in Italia - si legge -. Il rifiuto e persino l'aggressione nei confronti dei rappresentanti della Russia e della diaspora di lingua russa provengono principalmente dai membri della vasta comunità ucraina".

Il rapporto ricostruisce tutta una serie di episodi - dal lancio di vernice rossa contro l'ingresso dell'ambasciata a Roma al trattamento riservato a una studentessa russa dell'università di Bologna da parte di un medico, che "ha cacciato la ragazza dall'ufficio, sostenendo che 'non gli piaceva' il presidente russo - fino alla "grande campagna lanciata in Italia contro la cultura russa e i suoi rappresentanti, che ha portato a una serie di sgradevoli incidenti". Primo fra tutti la cacciata dal teatro alla Scala del direttore d'orchestra Valery Gergiev.

"È anche noto il rifiuto di servire cittadini russi, compresi i dipendenti delle rappresentanze diplomatiche da parte di singole banche italiane - accusa ancora il rapporto -. Ci sono stati casi in cui i clienti russi sono stati informati della loro intenzione di chiudere un conto bancario e gli è stato chiesto di ritirare il loro saldo in contanti in una delle filiali bancarie. I rifiuti vengono registrati anche nell'apertura di conti o nell'emissione di carte di debito su presentazione di documenti comprovanti la cittadinanza russa. I dipendenti della banca non confermano tali decisioni per iscritto, facendo riferimento a istruzioni interne in relazione ai cittadini di Russia e Bielorussia".

Ancora si denuncia che "i dipendenti della missione permanente russa presso la Fao e di altre organizzazioni internazionali a Roma hanno dovuto affrontare il rifiuto di un operatore telefonico di collegare un nuovo numero a un contratto di servizio già esistente o di stipulare un nuovo contratto di servizio individuale". L'ambasciata sostiene poi che "i connazionali sono preoccupati per il limitato accesso ai media russi in Italia e, di conseguenza, per la mancanza di informazioni obiettive sulla politica e sulle azioni della Russia nel quadro dell’operazione militare speciale, che è particolarmente significativa nel contesto della pressione propagandistica del Occidente collettivo e un'aperta campagna anti-russa nei media italiani".

"La trasmissione di informazioni sugli eventi che si svolgono nel mondo viene effettuata esclusivamente sulla base di fonti occidentali o ucraine. Questo approccio parziale - si denuncia - ha un'influenza chiave sull'atteggiamento degli italiani nei confronti dei cittadini russi che vivono in Italia, così come degli immigrati di lingua russa dall'ex Unione Sovietica". Infine, secondo l'ambasciata russa a Roma, "le decisioni delle organizzazioni regionali italiane di interrompere o sospendere la cooperazione con le associazioni partner russe, così come le minacce in arrivo contro le stesse associazioni russe e i loro singoli membri, testimoniano anche la crescita dei sentimenti russofobi nella società italiana".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli