Ucraina, Mosca minaccia la Lituania: “Blocco su Kaliningrad illegale”. Vilnius: “Divieto dipende da sanzioni”

ucraina mosca
ucraina mosca

Ucraina: Mosca sta minacciato la Lituania dopo il blocco imposto su Kaliningrad, scaturito in seguito all’applicazione delle sanzioni europee contro la Russia.

Ucraina, Mosca minaccia la Lituania: “Blocco su Kaliningrad illegale, previste azioni nei prossimi giorni”

Nella giornata di lunedì 20 giugno, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha rilasciato alcune dichiarazioni rispetto alla decisione della Lituania di limitare il transito a Mosca nei territori di Kaliningrad.

Secondo quanto riportato dall’agenzia russa Tass, il portavoce del Cremlino ha affermato: “La decisione della Lituania di limitare il transito alla regione di Kaliningrad è illegale e senza precedenti – e ha aggiunto –. Capiamo che deriva dalla decisione dell’Unione Europea di estendere le sanzioni al transito delle merci, ma crediamo che sia illegale. Un’analisi approfondita sarà condotta nei prossimi giorni prima di adottare qualsiasi misura o decisione”.

Vilnius: “Divieto dipende da sanzioni UE”

Poco dopo le dichiarazioni pronunciate da Peskov, la Lituania è prontamente intervenuta, rispondendo alle dure accuse ricevute da parte di Mosca. Vilius, infatti, ha subito precisato che la decisione di mettere in atto il transito limitato all’exclave russa è una conseguenza delle “sanzioni europee che hanno cominciato a essere operative dal 17 giugno e che stiamo applicando seguendo le linee guida della Commissione europea”.

A ricordare che il divieto è strettamente connesso alle sanzioni, è stato il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis al termine del Consiglio Affari Esteri in Lussemburgo.

A margine dell’incontro, Landsbergis ha anche spiegato: “Non tutti i beni sono colpiti dalle sanzioni. Circa il 50% è sulla nostra lista di transito”.

In questo modo, il ministro degli Esteri lituano ha posto l’accento sul fatto che l’oggetto della disputa riguardi il trasporto su rotaia di prodotti siderurgici.

Borrell: “Lituania ha applicato sanzioni. Mosca fa propaganda”

In merito alla questione, si è espresso l’Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari Esteri, Josep Borrell. Il politico europeo, infatti, ha difeso la misura messa in atto dalla Lituania e ha ribadito: “Il passaggio di terra tra Kaliningrad e la Russia non è stato bloccato: i passeggeri e beni che non sono sanzionati continuano a transitare, la Lituania non ha preso alcuna restrizione unilaterale ma applica solo le sanzioni. Il resto è solo propaganda“.

Borrell, poi, ha precisato: “Controlleremo nuovamente che siamo tutti allineati sulle stesse linee guida, le minacce di risposta della Russia preoccupano sempre“.

Ucraina: “Mosca non deve minacciare la Lituania”. Cremlino: “Azioni volte alla difesa degli interessi russi”

La recente querelle tra Mosca e Vilnius è stata commentata anche dal ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, che ha osservato: “La Russia non ha il diritto di minacciare la Lituania. Accogliamo con favore la posizione di principio di Vilnius e sosteniamo con forza i nostri amici lituani”.

Intanto, il Ministero degli Esteri di Mosca ha convocato l’incaricata d’affari dell’ambasciata lituana in Russia, Virginia Umbrasene, per esporre il proprio dissenso nei confronti del divieto di transito delle merci sanzionate dall’Unione Europea tra il Paese e Kaliningrad. A questo proposito, Mosca ha ribadito che nel caso in cui il blocco non dovesse essere prontamente rimosso, il Cremlino si riserva il diritto di procedere con la messa in atto di “azioni volte alla difesa dei propri interessi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli