Ucraina, nuovi dettagli su campagna di Giuliani contro Biden

A24/Pca

New York, 15 gen. (askanews) - Nuovi documenti resi pubblici dai deputati democratici statunitensi mostrano dettagli finora sconosciuti della campagna di Rudy Giuliani, avvocato personale del presidente Donald Trump, e dei suoi soci per ottenere, in Ucraina, materiale per screditare il principale candidato alla nomination democratica per le presidenziali, l'ex vicepresidente Joe Biden.

Dai documenti forniti da Lev Parnas, ex socio di Giuliani, emerge che un procuratore ucraino, Yuriy Lutsenko, stava facendo pressioni per ottenere la rimozione dell'allora ambasciatrice statunitense in Ucraina, Marie Yovanovitch, con cui era in forte contrasto; l'ambasciatrice fu poi rimossa, dopo una campagna orchestrata da Giuliani per screditarla, secondo quanto emerso da varie testimonianze durante le indagini della Camera. Dai messaggi diffusi, sembra che Lutsenko condizionasse il suo aiuto per screditare Biden alla rimozione di Yovanovitch. Sembra, inoltre, che un candidato repubblicano al Congresso, donatore di Trump, spiasse i movimenti e le azioni dell'ambasciatrice. (segue)