Ucraina: Onu, 'due terzi rifugiati rimarranno all'estero fino alla fine della guerra'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Kiev, 13 lug. (Adnkronos) – Circa due terzi degli ucraini che si sono recati all'estero a causa della guerra hanno intenzione di rimanere nei Paesi ospitanti fino alla fine delle ostilità. Lo afferma un rapporto dell'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati pubblicato oggi, precisando che "i rifugiati vogliono riunirsi con amici e familiari e preoccuparsi di coloro che sono rimasti nel loro Paese, ma la maggior parte vuole aspettare che le ostilità si plachino prima di tornare".

Nel sondaggio sono stati intervistati circa 4.900 ucraini che attualmente vivono in Repubblica Ceca, Ungheria, Moldova, Polonia, Romania e Slovacchia. Lo studio è stato condotto da metà maggio a metà giugno. L'Ufficio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha rilevato che la maggior parte delle persone che vogliono tornare proviene da regioni in cui l'esercito russo era più attivo.

In generale, secondo le Nazioni Unite, attualmente in Europa vivono 5.650.272 rifugiati ucraini. Quasi 8,8 milioni di persone hanno lasciato l'Ucraina ma quasi 3,3 milioni sono tornate. La maggior parte dei rifugiati sono donne e bambini, dal momento che le autorità ucraine hanno vietato agli uomini abili alle armi di lasciare il Paese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli