Ucraina: Panatta, 'una vergogna che i russi non possano giocare Wimbledon'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 apr. – (Adnkronos) – "Oggi al Foro Italico giocherei con la maglietta ucraina". Lo dice Adriano Panatta, in riferimento alla maglietta rossa indossata provocatoriamente (contro il regime di Pinochet) in Cile nel 1976 alla finale di Coppa Davis. L'occasione è la presentazione di "Una squadra", la docuserie Sky Original sulla storia della nazionale italiana di tennis che vinse la Coppa Davis nel '76 e che negli anni successivi raggiunse la finale altre tre volte, in onda su Sky Documentaries dal 14 maggio alle 21.15 (i primi due episodi andranno anche su Sky Sport Uno domenica 15 maggio, subito dopo la finale degli Internazionali d'Italia).

Per quanto riguarda il veto ai tennisti russi a Wimbledon replica: "E' una vergogna che non possano giocare. Si mettono i veti, ma poi si continuano ad avere rapporti con la Russia. Era quello che succedeva tra Italia e Cile anche nel 1976". "E' una forma di razzismo- continua Panatta- se vado a Parigi sono un italiano in Francia, non rappresento certo l'Italia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli