Ucraina: Petrocelli, 'grave precedente se mi cacciano da presidenza commissione'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 mag. (Adnkronos) – "L’ultima parola spetta alla presidente Casellati. I senatori Garavini e Alfieri dicevano che la commissione era bloccata, ma non era vero. Abbiamo approvato due ratifiche ancora il 3 maggio". E le dimissioni di venti componenti della commissione Esteri del Senato rappresentano "una decisione politica che considero pretestuosa. Sarebbe un grave precedente: mi caccerebbero" dalla presidenza "solo perché contrario all’invio di armi all’Ucraina. A Vilma Moronese, che ha lasciato l’M5S, collocandosi all’opposizione, nessuno ha chiesto di lasciare la presidenza della commissione Ambiente". Lo dice Vito Petrocelli, intervistato da 'La Repubblica'.

Quanto ai rapporti con il Movimento 5 stelle, "sono fuori dalle chat e non mi fanno partecipare alle riunioni". Finora , spiega Petrocelli, "nessuna" comunicazione è arrivata dal Movimento. "Se mi arriverà l’accetterò senza fare ricorso".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli