Ucraina, più di 2.400 civili uccisi a Mariupol da inizio invasione russa - Borrell

An aeriel view shows smoke rising as an armoured vehicle is shot at next to a building, as Russia's invasion of Ukraine continues, in Maripuol

BRUXELLES (Reuters) - Più di 2.400 civili sono stati uccisi nella città di Mariupol, nel sud dell'Ucraina, dall'inizio dell'invasione della Russia a febbraio.

Lo ha dichiarato Josep Borrell, Alto rappresentante dell'Unione europea per gli affari esteri.

Borrell, durante una conferenza stampa a Skopje, ha detto che oltre 2,6 milioni di civili sono fuggiti dall'Ucraina, e che il numero dei profughi potrebbe salire a 4-5 milioni.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)