Ucraina: Pietrangeli, 'russi fuori da Wimbledon? Decisione politica, dubito che Roma la segua'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 apr. – (Adnkronos) – "E' una decisione politica degli inglesi che io trovo sbagliata e mi auguro che Roma non faccia altrettanto. La politica non dovrebbe mai entrare nello sport. Trovo ingiusto che a pagare siano i giocatori che non hanno colpe. Al limite posso capire la decisione di escludere la nazionale russa non i singoli giocatori". Così all'Adnkronos l'ex capitano azzurro di Coppa Davis Nicola Pietrangeli, in merito alla decisione degli organizzatori di Wimbledon di escludere i tennisti russi e bielorussi dalla terza prova stagionale del Grande Slam che si disputerà dal 27 giugno al 10 luglio. Una decisione che potrebbe essere seguita anche dagli Internazionali Bnl d'Italia che si disputerà tra meno di tre settimane al Foro Italico a Roma. "L'altro giorno alla presentazione degli Internazionali Bnl d'Italia c'era la sottosegretaria allo sport Valentina Vezzali, il presidente di Sport e Salute Vito Cozzoli e il presidente della Fit Angelo Binaghi e l'argomento non è saltato fuori, penso che Roma non escluderà russi e bielorussi", conclude il due volte vincitore del Roland Garros.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli