Ucraina: Podolyak, 'aggressore può essere pacificato con dimostrazione di forza'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Kiev, 2 nov. (Adnkronos) – "Quale lezione dovrebbero imparare i leader occidentali dalla sgranata 'diplomazia ottomana'? Un ricattatore con radici russe è sempre inferiore a chi è più forte e può sostenere chiaramente una posizione incrollabile. Il modo per 'pacificare' l'aggressore passa solo attraverso una ragionevole dimostrazione di forza". Questo il commento su Twitter di Mykhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Zelensky, all'annuncio di Mosca riguardo la ripresa della partecipazione all'accordo sull'esportazione di grano attraverso il corridoio del Mar Nero.

La Russia, secondo quanto dichiarato dal ministero della Difesa, avrebbe ricevuto garanzie dall'Ucraina che "sembrano essere sufficienti" per riprendere l'attuazione dell'accordo. Il dipartimento militare russo ha aggiunto che le garanzie menzionate sono state ottenute con l'assistenza della Turchia. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha anche annunciato che il corridoio del grano del Mar Nero ha ripreso le operazioni a partire da mezzogiorno di oggi.

Il 29 ottobre il ministero della Difesa russo aveva annunciato la cessazione della partecipazione all'accordo sull'esportazione di prodotti alimentari ucraini attraverso il corridoio del grano del Mar Nero, a causa di presunti "atti terroristici" "contro le navi della flotta del Mar Nero e le navi civili coinvolte nel garantire la sicurezza del "corridoio del grano", di cui le autorità russe hanno accusato l'Ucraina. Nonostante questa dichiarazione di Mosca, il 31 ottobre le Nazioni Unite, la Turchia e l'Ucraina hanno continuato ad attuare l'accordo sul grano e hanno attuato il piano di transito per 16 navi.