Ucraina,Putin: Nato ci minacciava, aggressione unica scelta

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 mag. (askanews) - La Nato ci minacciava, l'operazione militare in Ucraina è stata inevitabile, ha detto Putin parlando sulla piazza rossa. "La Russia non voleva l'aggressione, ma non ha avuto scelta, è stata una decisione forzata, tempestiva e l'unica giusta: la decisione di un Paese sovrano, forte, indipendente" ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel suo discorso sulla Piazza rossa, dove con i rintocchi dell'orologio della Torre Spasskaya è iniziata la parata del 9 maggio per il 77esimo per la vittoria contro la Germania nazista.

"Il blocco NATO ha avviato lo sviluppo militare attivo dei territori a noi adiacenti" ha detto Putin riferendosi all'Ucraina. "Così, una minaccia per noi assolutamente inaccettabile è stata sistematicamente creata, direttamente ai nostri confini. Tutto indicava che uno scontro con i neonazisti, Bandera, su cui puntavano gli Stati Uniti e i loro partner, sarebbe stato inevitabile. Ripeto, abbiamo visto come si sta sviluppando l'infrastruttura militare, come hanno iniziato a lavorare centinaia di consulenti stranieri, ci sono state consegne regolari delle armi più moderne dai paesi della NATO. Il pericolo cresceva ogni giorno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli