Ucraina, rinnovabili sotto attacco

(Adnkronos) - La guerra in Ucraina non risparmia l'energia pulita e gli attacchi russi mettono in ginocchio la produzione da fonti rinnovabili del Paese. In questo conflitto che fin dall'inizio ha visto la questione energetica in primo piano, tra gas e petrolio la grande dimenticata è stata quella che dovrebbe essere l'energia del futuro, mentre i numeri parlano di un danno enorme al settore.

Secondo il ministro dell'Energia German Galushchenko, i russi avrebbero già disabilitato oltre il 50% della capacità termica, il 30% del solare e oltre il 90% della produzione eolica. E le infrastrutture energetiche ucraine continuano a subire danni devastanti con il risultato che, ad oggi, circa 650.000 utenti non hanno accesso all'elettricità e più di 180mila famiglie non hanno accesso alla fornitura di gas.

Tra gli altri dati riportati dall'agenzia Interfax, c'è quello che parla del circa 5% di capacità di generazione installata andato distrutto, con il 35% della capacità di generazione situata nei territori occupati. La produzione di gas è diminuita del 12-15%. Allo stesso tempo, però, come ha osservato il ministro, l'Ucraina riceve un sostegno significativo dalla comunità mondiale. "Grazie al vostro sostegno e all'assistenza umanitaria, i miei colleghi riescono a fornire elettricità in media a 50.000 famiglie al giorno", ha sottolineato Galushchenko.

In occasione della riunione del Consiglio direttivo dell'Agenzia internazionale dell'energia, il ministro ha proposto di concedere all'Ucraina lo status di membro associato dell'Aie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli