Ucraina, Russia consolida presa Severodonetsk, Usa inviano missili a Kiev

Un uomo cammina tra le macerie di un edificio a Sievierodonetsk, nella regione di Luhansk, in Ucraina

(Elimina refuso in titolo)

KIEV (Reuters) - Le forze russe hanno cercato di consolidare la loro presa sulla città industriale ucraina di Severodonetsk e sono vicini a una grande vittoria nella loro offensiva nella regione orientale del Donbass.

Tuttavia, in uno sforzo a sostegno dell'Ucraina, impegnata in una dura lotta contro l'invasione dell'esercito russo, gli Stati Uniti hanno annunciato un pacchetto di armi da 700 milioni di dollari per Kiev, che includerà sistemi missilistici avanzati con una gittata fino a 80 km.

La Russia ha accusato gli Stati Uniti di mettere "benzina sul fuoco". Sergej Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha affermato che la fornitura dei lanciarazzi ha aumentato il rischio di trascinare un "paese terzo" nel conflitto.

Antony Blinken, segretario di Stato Usa, ha dichiarato che l'Ucraina ha promesso di non utilizzare i sistemi per colpire obiettivi all'interno della Russia. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si augura che l'estensione del raggio d'azione dell'artiglieria ucraina contribuisca a spingere la Russia a negoziare la fine della guerra, giunta ormai al quarto mese.

Dopo giorni di pesanti combattimenti intorno a Severodonetsk, con gran parte della città distrutta dai bombardamenti russi, le truppe di Mosca stanno avanzando per le strade della città. L'Ucraina sostiene che circa il 70% della città è sotto il controllo russo.

(Tradotto da Enrico Sciacovelli, editing Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli