Ucraina, Russia contro Kiev: "Bugie su Izyum"

(Adnkronos) - La Russia respinge le accuse dell'Ucraina sui crimini di guerra commessi dalle forze russe nella regione di Kharkiv, nell'est del Paese. "E' una bugia", ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, secondo l'agenzia Interfax. Mosca difenderà la "verità", ha aggiunto. Parole pronunciate dopo le denunce arrivate da Izyum. Per Peskov, Kiev e gli alleati degli ucraini lanciano le stesse accuse infondate dello scorso marzo, all'epoca delle atrocità a Bucha. "E' lo stesso scenario di Bucha", ha detto.

Peskov: "Colloqui Putin con leader Paesi ostili? Costruttivi e basati su rispetto"

I colloqui di Vladimir Putin con i leader di altri Paesi, compresi quelli dell'Ue, sono costruttivi e all'insegna del rispetto reciproco. E' quanto ha assicurato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato da Ria Novosti: "Nonostante il fatto che abbiamo incluso un certo numero di paesi nella lista dei paesi ostili, sulla base delle loro misure ostili, c'è ancora comunicazione con alcuni di loro. Senza comunicazione, senza negoziati, è impossibile realizzare queste relazioni. E queste sono sempre conversazioni abbastanza costruttive", ha detto Peskov.

Alla domanda se ci sia un linguaggio duro da parte russa, il portavoce del Cremlino ha replicato secco, "assolutamente". "Ci sono dichiarazioni dure da entrambe le parti, ma con un tono di rispetto reciproco", ha sottolineato.

Da Luhansk accuse a Kiev: "Ferito giornalista russo"

Le autorità filorusse di Luhansk denunciano il ferimento di un giornalista russo in un attacco dell'artiglieria delle forze di Kiev contro la località di Svatove. Secondo il Centro congiunto di controllo e coordinamento, "a seguito dell'attacco contro Svatove con l'uso di un sistema del sistema lanciarazzi multiplo Usa (Himars), è rimasto ferito un giornalista dell'agenzia federale di notizie". Nessun dettaglio sull'identità. Stando alle notizie riportate dall'agenzia Tass, "l'albergo Vatra è ridotto in macerie e sette abitazioni e un negozio hanno riportato danni".

Intelligence Gb: "Russi hanno perso 4 aerei da guerra in 10 giorni"

È probabile che la Russia abbia perso almeno quattro aerei da guerra in Ucraina negli ultimi 10 giorni, portando il numero totale delle perdite presumibilmente a 55 aerei dall'inizio dell'invasione. Lo ha scritto su Twitter l'intelligence britannica, secondo cui "esiste la possibilità realistica che questo sia in parte il risultato dell'assunzione di maggiori rischi da parte dell'aviazione russa, mentre cerca di fornire supporto aereo ravvicinato alle forze di terra russe sotto la pressione dell'offensiva ucraina".

"La consapevolezza dei piloti russi è spesso scarsa, c'è una reale possibilità che alcuni aerei si siano smarriti sul territorio nemico e siano caduti in zone di difesa aerea, mentre le linee del fronte stavano avanzando rapidamente", afferma il rapporto del ministero della Difesa della Gran Bretagna.