Ucraina, in Russia migliaia di casi aperti per discredito o notizie false forze armate

(Adnkronos) - Sono stati aperti in Russia più di 3.800 casi per discredito delle forze armate - un illecito punibile con multe fino a un milione di rubli (più di 16mila euro) - da quando è stata introdotta la legge lo scorso marzo, poco dopo l'inizio dell'operazione militare speciale contro l'Ucraina, ha reso noto Ovd-Info, l'ong che fornisce assistenza legale agli oppositori.

Sono "decine" i casi aperti invece per il reato - con pene fino a cinque anni di carcere- di aver screditato ripetutamente le forze militari. E 90 i casi per il reato ancora più grave di "diffusione di informazioni false", una accusa che può portare a 15 anni di carcere. Il ministero della Giustizia nel frattempo ha anche compilato una guida in cui spiega, come rende noto Kommersant, che una "opinione negativa" significa discredito, e un "dato di fatto" diffusione di informazioni false.

Fra le persone condannate fino a ora - elenca Moscow Times- vi sono, il deputato dell'assemblea legislativa di Mosca Aleksei Gorinov, il primo a essere condannato con questa nuova legge il mese scorso: dovrà scontare sette anni in carcere per aver messo in discussione l'organizzazione di una gara per bambini "mentre in Ucraina i bambini muoiono".

L'insegnante di 45 anni, Irina Gen, cinque anni con la condizionale per aver diffuso informazioni false. Un Dj in Crimea, detenuto dieci giorni per discredito delle forze dopo aver fatto suonare una canzone ucraina in un bar karaoke. L'archeologo Yevgeny Kruglov, 46 anni, è stato arrestato con l'accusa di aver diffuso informazioni false sui social media.

Dmitry Chistyakov, ex portavoce del ministero delle Situazioni di emergenza rischia una multa di 50mila rubli per discredito delle forze, il teologo ortodosso Andrei Kuraev ha ricevuto una multa di 30mila rubli. Gli oppositori Ilya Yashin, 39 anni, e Vladimir Kara-Murza, 40, arrestati con l'accusa di aver diffuso informazioni false, sono in carcere attesa di giudizio. L'ex sindaco di Ekaterinburg Yevgeny Roizman, è stato arrestato mercoledì per aver screditato ripetutamente le forze militari. Ci sono poi 14 giornalisti accusati di aver diffuso notizie false, ha denunciato l'avvocato, Stanislav Seleznyov. Fra questi, l'esperto di servizi di sicurezza, Andrei Soldatov.

"L'articolo di legge per cui sono perseguito (l'articolo 207.3, quello sulla diffusione di informazioni false) è un analogo dell'infame articolo 58 del codice penale staliniano e degli articoli 70 e 190 del codice di Brezhnev, con cui venivano detenuti i dissidenti", ha denunciato Kara-Murza ricordando che ieri, quando è comparso di fronte al tribunale Basmanny di Mosca- era l'anniversario del giorno in cui nel '68 otto persone hanno protestato sulla Piazza rossa contro l'invasione della Cecoslovacchia.

"Anche loro sono stati processati come criminali, mentre quello che hanno fatto è salvare l'onore della nostra intera società e Paese. Oggi, ci ricordiamo dei loro nomi. Gli articoli vergognosi del codice penale sono stati aboliti e queste persone sono state riabilitate. Non ho alcun dubbio che sarà il caso anche con questi vergognosi nuovi articoli di legge", ha aggiunto il dissidente, vittima di due diversi tentativi di avvelenamento.