Ucraina, Russia si ritira da Kherson: l'annuncio

(Adnkronos) - Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha annunciato l'inizio del ritiro delle forze militari dalla riva occidentale del Dnepr dopo aver dato il via libera alla proposta del comandante delle forze russe in Ucraina, Sergei Surovikin, di organizzare la difesa lungo la riva orientale del fiume, si legge su Ria Novosti. "La decisione di ripiegare sulla riva orientale del Dnepr non è facile ma allo stesso tempo salveremo la vita di nostri militari", ha spiegato Surovikin dopo aver precisato che la città di Kherson, che sarà probabilmente abbandonata dai russi, e gli insediamenti adiacenti non possono essere riforniti.

“Kherson non può essere rifornita completamente. La Russia ha fatto tutto il possibile per garantire l'evacuazione degli abitanti di Kherson" ha detto il generale raccomandando al ministro della Difesa il ritiro da Kherson.

Nella regione di Kherson l'esercito russo ha fatto saltare in aria diversi ponti per rallentare la controffensiva delle forze armate ucraine. Lo ha reso noto il vice del consiglio regionale di Kherson Serhii Khlan, confermando le informazioni precedenti sull'esplosione dei ponti Daryiv e Tyagin. L'esercito russo aveva inoltre respinto un attacco portato dalle truppe ucraine nell'area di Mykolaiv-Kryvyi Rih che aveva l'obiettivo di penetrare nelle retrovie russe nella regione di Kherson, secondo quanto reso noto dal ministero della Difesa russo in una nota.

PONTE CRIMEA - Intanto, "gli sforzi russi per riparare il ponte sulla Crimea continuano, ma è improbabile che sarà pienamente operativo almeno fino a settembre 2023" ha scritto su Twitter il ministero della Difesa britannico nel suo ultimo aggiornamento dell'intelligence, aggiungendo che “l'8 novembre il ponte stradale doveva essere chiuso per consentire lo spostamento e l'installazione di uno spazio sostitutivo di 64 metri. Saranno necessarie altre tre campate per sostituire le sezioni danneggiate". "I danni al ponte, il recente attacco alla flotta del Mar Nero a Sebastopoli e il probabile ritiro da Kherson - ha proseguito l'intelligence britannica - complicano la capacità del governo russo di parlare di successo militare".

MORTO IL VICE GOVERNATORE FILORUSSO DI KHERSON - Il numero due dell'amministrazione filorussa di Kherson, Kirill Stremousov, è morto in un incidente d'auto. Lo afferma l'agenzia stampa russa Tass, citando il servizio stampa dell'amministrazione filorussa. La notizia della morte di Stremousov arriva poco dopo che il vice capo gabinetto del Cremlino Sergei Kiryenko aveva dato l'ordine di limitare la presenza del vice governatore di Kherson in televisione, rende noto il giornalista di Dozhd Tv, Tikhon Dzyadko.