Ucraina: sanzioni contro Schroeder, si allunga la lista dei favorevoli

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Berlino, 27 apr. (Adnkronos/Dpa) – Si allunga la lista dei politici tedeschi favorevoli all'ipotesi di sanzioni contro l'ex cancelliere tedesco Gerhard Schroeder, colpevole di non voler rinunciare al rapporto privilegiato con la Russia di Vladimir Putin malgrado l'invasione dell'Ucraina: a sostenerle sono anche esponenti Liberali, Verdi e Cristianodemocratici tedeschi citati oggi dal quotidiano Handelsblatt. "Deve essere inserito prima possibile nella lista delle persone che approfittano dei propri rapporti con Putin", ha dichiarato l'esponente liberale Moritz Koerner parlando con il quotidiano economico tedesco. L'ex cancelliere, ha aggiunto, è attualmente l'uomo più importante di Putin in Germania. "Non appartiene più alla 'crème de la crème' della politica interna tedesca, ma alla 'crème' del Cremlino".

Anche l'esperto di politica estera della Cdu Roderich Kiesewetter ha sostenuto l'opportunità di sanzionare Schroeder: "Il fatto che continui a non prendere le distanze da Putin e dalla Russia mostra solo quanto profondamente sia al loro servizio". "Ecco perché dobbiamo tendere alle sanzioni, che dopotutto dovrebbero colpire anche la cricca di Putin. E questa include Schroeder", ha affermato. (segue)

(Adnkronos) – Sempre sullo stesso quotidiano, l'eurodeputato dei Verdi Reinhard Buetikofer si è unito alla richiesta, che a suo avviso dovrebbe includere altri ex funzionari politici europei che "si sono poi venduti a Vladimir Putin". Secondo Buetikofer, Schroeder dovrebbe essere privato della sua carica di ex cancelliere ed espulso dal Partito socialdemocratico tedesco (Spd), a cui appartiene l'attuale cancelliere tedesco, Olaf Scholz.

Recentemente, il collega di partito di Schroeder, Michael Roth, aveva introdotto l'ipotesi di sanzioni Ue contro l'ex cancelliere. E ieri la "Bild" riferiva che la voce relativa all'ufficio di Schroeder nella Cancelleria dovrebbe essere tagliata nell'ambito delle discussioni sul bilancio federale 2023.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli