Ucraina: sindaco Mariupol, 'deportano nostri cittadini in Siberia per ripopolare quella regione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 apr. (Adnkronos) – Campi di filtraggio russi a Mariupol per requisire forza lavoro da deportare in Siberia. "Stanno deportando i nostri cittadini in Siberia. Putin ha necessità di ripopolare quel territorio dove i russi non vogliono andare per risolvere una serie di problemi. Agiscono attraverso i campi di filtraggio, 4 in tutto a Mariupol, da cui per fuggire dalla città è necessario passare. Tentano di convincere chi è in età lavorativa a trasferirsi in Russia o altrimenti intervengono deportandoli in maniera forzata, senza possibilità di scelta. Non c'è differenza tra la Federazione russa di oggi e quella fascista della seconda guerra mondiale". La denuncia a poche ore dalla capitolazione di Mariupol è del sindaco Vadym Boichenko che riferisce all'Adnkronos: "Fanno firmare schede o documenti a persone in età lavorativa. E' difficile per questa fascia di età andare verso i territori controllati dall'Ucraina".

"A Mariupol – prosegue – ventimila persone attendono in fila di essere vivisezionate nei campi di filtraggio prima di essere evacuate. Ma i russi controllano non più di 10-20 persone al giorno. I tempi sono infiniti e le procedure mortificanti, vergognose soprattutto per gli amministratori comunali. Io – chiosa – sono il primo della lista. Qualche giorno fa durante i controlli hanno scoperto che la figlia di un impiegato comunale lavora a Kiev nelle forze dell'ordine. Quindi hanno sequestrato l'altra figlia, una bambina di appena due anni con il pretesto di non farla crescere con i nazisti – racconta – E' in atto attraverso l'uso dei campi di filtraggio una vera e propria deportazione selettiva forzata. Ed a rischio sono centomila cittadini ancora in città oltre a 50mila persone nei centri abitati limitrofi".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli