Ucraina: sindaco Mariupol, 'se riabbandonerei la città? Ho ricevuto ordine di andar via'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 23 apr. (Adnkronos) – Le è stato contestato da più parti di avere abbandonato Mariupol durante l'occupazione russa. Se tornasse indietro lo rifarebbe? "Se l’esercito nemico russo mi avesse preso in ostaggio avrei mai potuto lavorare? – controbatte il sindaco di Mariupol all'Adnkronos a poche ore dalla capitolazione della cittadina sul mar D'Azov – Nel momento in cui viene introdotta la legge marziale la dirigenza del comune deve contribuire alla difesa della città e ad eseguire gli ordini dell’amministrazione militare. Io, in quanto sindaco, ho ricevuto l’ordine di andar via. Rispondo personalmente governatore dell’amministrazione militare regionale di Donetsk Pavlo Kyrylenko, e per ragioni di sicurezza mi sposto continuamente. Come avrei potuto non eseguirlo dal momento che in Ucraina vigeva e vige ancora la legge marziale?".

(di Roberta Lanzara)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli