Ucraina, sirene antiaeree in tutto il Paese. Oggi il G7 con Zelensky

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sirene antiaeree in quasi tutte le regioni dell'Ucraina nel 74esimo giorno di guerra con la Russia. Lo riferisce su twitter il Kyiv Independent. Dopo l'evacuazione di tutti i civili,. "E' molto difficile, ma importante. Non perdiamo la speranza, non ci fermiamo. Ogni giorno cerchiamo un'opzione diplomatica che possa funzionare", ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

E si scava tra le macerie di una scuola colpita ieri in un attacco aereo delle truppe russe nella regione di Luhansk, all'interno della quale si stavano rifugiando 90 persone. Ci sarebbero almeno 60 dispersi. Lo ha riferito Serhiy Hayday, capo dell'amministrazione militare regionale, aggiungendo che 30 persone che si rifugiavano nella scuola sono state salvate. Di queste, sette sono rimaste ferite. I corpi di due persone sono stati trovati tra le macerie, ha detto Hayday in un post di Telegram oggi, aggiungendo che è "probabile che tutte le 60 persone rimaste sotto le macerie dell'edificio siano state uccise".

Sempre nella regione di Luhansk, undici le persone rimaste intrappolate sotto le macerie di un palazzo residenziale di due piani a Shypylivka, distrutto in un raid aereo russo. Al momento non ci sono vittime accertate del bombardamento notturno.

OGGI IL G7 – Le preoccupazioni per l'invasione russa saranno oggi al centro di un incontro tra i leader del G7, al quale parteciperà anche il presidente ucraino Volodymyr Zelensky che riferirà sulla situazione attuale nel suo Paese. L'incontro domenicale cade l'8 maggio, una giornata che segna la fine della seconda guerra mondiale e la liberazione dell'Europa dalle forze naziste. Secondo indiscrezioni, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden potrebbe anche voler discutere ulteriori sanzioni contro la Russia.

La scelta della data di domenica, la vigilia del 9 maggio, per la telefonata tra i leader del G7, è intenzionale, sottolinea la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki. "Penso che non debba sfuggire il significato, a nessuno, dei tempi di svolgimento di questo incontro del G7, che sarà il giorno prima del Giorno della Vittoria della Russia. Il presidente Putin ha certamente proiettato il suo desiderio di celebrare quel giorno come un giorno in cui è vittorioso sull'Ucraina. Naturalmente, non lo è", ha aggiunto. "Avere questo incontro e questa conversazione domenica è un'opportunità non solo per mostrare quanto sia unito l'Occidente nell'affrontare l'aggressione e l'invasione del presidente Putin, ma anche per mostrare che l'unità richiede lavoro, richiede sforzo, richiede sangue, sudore e lacrime a volte."

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli