Ucraina sotto attacco, missili Russia su diverse città

(Adnkronos) - La Russia ha lanciato un nuovo attacco missilistico su vasta scala contro l'Ucraina. Sono stati lanciati circa 100 missili, colpendo infrastrutture per l'energia ed edifici residenziali, ha detto un portavoce delle forze aeree ucraine, citato dal Guardian. In un primo commento, il capo dell'ufficio della presidenza ucraina, Andriy Yermak, ha parlato di reazione russa al discorso del presidente Volodymyr Zekensky al G20. "La Russia risponde al potente discorso di Zelensky al G20 con un nuovo attacco missilistico. Veramente qualcuno pensa seriamente che il Cremlino voglia la pace? Comunque alla fine i terroristi perdono sempre", ha scritto su Twitter.

"La Russia ha lanciato almeno 85 missili contro l'Ucraina, soprattutto contro infrastrutture dell'energia", ha denunciato Zelensky in un video pubblicato sui social. "E' chiaro quello che vuole il nemico. Non lo otterrà", ha aggiunto anticipando il possibile arrivo di altri 20 missili e invitando quindi i suoi connasionali di rimanere nei rifugi.

La Russia parla con i missili, può essere fermata solo con le armi, afferma il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. "Missili russi stanno uccidendo persone e danneggiando infrastrutture attraverso l'Ucraina proprio adesso. Questo è quello che la Russia ha da dire sulla questione dei colloqui di pace. Basta proporre all'Ucraina di accettare gli ultimatum della Russia! Questo terrore può essere fermato con la forza delle nostre armi e i princìpi", ha twittato Kuleba.

A Kiev sono stati colpiti due edifici nel distretto di Pechersk. Almeno una persona è morta nei raid, ha reso noto su Telegram il sindaco della capitale ucraina, Vitaly Klitschko, precisando che a Pechersk, in una delle case colpite da un razzo, i soccorritori hanno trovato il corpo di una persona. Secondo il sindaco, inoltre, la società Ukrenergo ha ordinato l'interruzione della fornitura di corrente per evitare ulteriori danni alle infrastrutture e metà della popolazione della capitale è al buio.

Anche il ministro degli Esteri olandese, Wopke Hoekstra, è stato costretto a trovare riparo nei rifugi durante la sua visita a Kiev. Hoekstra ha esortato a prestare attenzione a "ciò che la Russia fa, non a ciò che dice" e alla Cnn ha detto che l'attacco missilistico mostra ancora una volta "la volontà di Putin di ricorrere a metodi criminali". "Ci può essere solo una risposta a tutto ciò - ha aggiunto - Ed è continuare: continuare a sostenere l'Ucraina, continuare a fornire armi, continuare a lavorare sulla giustizia, continuare a lavorare sulla fornitura di aiuti umanitari".

Oltre alla capitale, sono state prese di mira le città di Kryvyi Rih e Poltava, e la regione di Cherkassy. La contraerea è entrata in azione anche a Chernihiv e Vinnytsia, scrive il Guardian citando le autorità locali.

I missili russi hanno colpito anche Kharkiv, nel nord-est dell'Ucraina, provocando problemi alla linea elettrica. Secondo il sindaco della città, Ihor Terekhov, nel raid è stata colpita un' "infrastruttura essenziale". "Al momento non si hanno informazioni sulle vittime. A causa di danni alla struttura, ci sono problemi con la fornitura di energia", ha dichiarato su Telegram, annunciando che il servizio di tram e metropolitana è stato interrotto e che gli ingegneri "stanno facendo di tutto per normalizzare la vita a Kharkiv il prima possibile".

Raggiunta dall'offensiva anche Leopoli, dove è stato colpito un importante impianto per la produzione di energia nella regione occidentale. "A Leopoli vi sono problemi con la distribuzione dell'elettricità, interruzioni nel funzionamento degli operatori mobili. Rimanete nei rifugi! C'è ancora pericolo", ha detto il governatore della regione, Maksym Kozytskyi, rivolgendosi alla popolazione.

Colpito inoltre il centro commerciale Auchan nel quartiere di Solonka. "Durante il bombardamento la nostra missione si trovava in una chiesa poco distante, dove il nostro team medico sanitario stava visitando i profughi di guerra ospitati nella struttura", dicono da Mediterranea Saving Humans. Una missione dell'ong si trova attualmente a Leopoli nell'ambito del progetto Med Care for Ukraine. "Il nostro team poco prima era a pranzo in quel centro commerciale. Basta guerra, basta morte", dicono gli attivisti.

FORZE RUSSE SI RITIRANO DI 15-20 KM DA RIVA DNIPRO - Intanto le forze russe si stanno ritirando di 15-20 km dalle barriere costruite sulla riva sinistra (est) del fiume Dnipro per evitare gli attacchi ucraini. Lo ha detto Nataliia Humeniuk, portavoce del comando militare ucraino, citata da Ukrainska Pravda.

"Ipoteticamente possono minacciare Kherson, perché la distanza gli permette di usare vari tipi di armi. Ma non abbiamo modo di rispondere. Detto questo, c'è una certa attività delle truppe nemiche sulla riva sinistra del Dnipro, in movimento di 15-20 km verso l'entroterra", ha detto la portavoce. Humeniuk ha aggiunto che le forze ucraine tengono sotto tiro le vie di rifornimento logistico dei russi.