Ucraina: spento reattore centrale di Zaporizhzhya dopo colpi di mortaio

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Energodar, 1 set. (Adnkronos) – A causa dei bombardamenti russi, la quinta unità di potenza della centrale nucleare di Zaporizhzhya è stata nuovamente spenta. Lo riferisce l'operatore della centrale Energoatom, precisando in un comunicato che "il 1 settembre, alle 4:57, a seguito di un altro colpo di mortaio da parte delle forze di occupazione russe nel sito della centrale nucleare di Zaporizhzhya, è stata attivata la protezione di emergenza e la quinta unità di potenza operativa è stata spenta. Inoltre, la linea di alimentazione di backup da 330 kV ZAES-330 kV per le proprie esigenze è stata danneggiata. Nella modalità di transizione, l'unità di potenza n. 2 non funzionante è stata diseccitata con l'avvio dei generatori diesel".

Energoatom osserva che questa è la seconda volta negli ultimi 10 giorni che le azioni degli occupanti russi hanno portato alla chiusura dell'unità e alla diseccitazione del reattore Allo stesso tempo, è stato riferito che l'unità di potenza n. 6 continua a funzionare nel sistema energetico dell'Ucraina e allo stesso tempo alimenta i bisogni della centrale di Zaporizhzhya.