Ucraina: Stoltenberg ha valutato la possibilità di richiudere il "corridoio del grano"

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Kiev, 5 nov. (Adnkronos) – "Finché la guerra continua, permangono rischi sulla sospensione del corridoio del grano. Per combattere la fame, è necessario consegnare grano dall'Ucraina ai mercati mondiali. L'accordo sul grano è estremamente importante a questo riguardo. Ma la guerra dovrebbe anche essere fermata". Lo ha sottolineato il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in un'intervista ad Haberturk.

La Nato ha valutato i rischi della ripetuta sospensione da parte della Russia delle esportazioni alimentari dall'Ucraina attraverso il "corridoio del grano". Il 29 ottobre, la Russia ha annunciato la cessazione della partecipazione all'accordo sull'esportazione di prodotti alimentari ucraini attraverso il Mar Nero. Questa decisione è stata spiegata da un presunto "atto terroristico" "contro le navi della flotta del Mar Nero e le navi civili coinvolte nel garantire la sicurezza del "corridoio del grano", di cui Mosca ha accusato Kiev.

Nonostante la cessazione della partecipazione di Mosca, il 31 ottobre le Nazioni Unite, la Turchia e l'Ucraina hanno continuato ad attuare l'accordo sul grano e hanno attuato un piano di transito per 16 navi. Ma già il 2 novembre il Ministero della Difesa russo ha annunciato la ripresa della partecipazione di Mosca all'accordo, dicendo di aver ricevuto garanzie dall'Ucraina che "sembrano essere sufficienti" per riprendere l'attuazione dell'accordo.