Ucraina, su alcune colombe pasquali in Russia compare la Z

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 19 apr. (askanews) - Invece del tradizionale "Cristo è risorto", in uso sinora per augurarsi Buona Pasqua in Russia - che cade il 24 aprile - dolci pasquali con la lettera Z (chiaro richiamo all'invasione russa dell'Ucraina) sono apparsi sui banconi dei pasticceri nella provincia siberiana di Kurgan. A quelle latitudini l'equivalente della colomba italiana si chiama "kulich" e in genere come soggetti presentava coniglietti e uova sulla glassa rigorosamente bianca, colore inconfondibile della pace e della resurrezione. Da portare in chiesa per la benedizione. Ora invece la glassa - versione siberiana - è color verde militare, la lettera è quella dell'operazione "speciale", ovvero la guerra, ma il prezzo è abbordabile: 190 rubli, meno rispetto ai soliti dolci pasquali, per l'acquisto di un prodotto da forno con la Z sopra invece delle solite lettere XB (Cristo è risorto).

PERCHÈ GLI Z-KULICH

Per capire le nuove torte, vanno capite le lettere latine Z e V che sono diventate in Russia un simbolo di sostegno all'invasione del territorio dell'Ucraina iniziata il 24 febbraio, quando Vladimir Putin ha lanciato un appello in cui affermava che i piani della Federazione Russa non includevano l'occupazione dell'Ucraina e che le operazioni militari erano collegate alla "denazificazione" e "smilitarizzazione" del Paese. Ma i risultati di tale operazione sono stati una guerra che ha sconvolto l'Ucraina e scioccato il mondo intero. Quindi la comparsa della lettera latina Z sui dolci pasquali tipici russi ha lasciato perplessi più d'uno. Peraltro il 3 marzo, il ministero della Difesa ha affermato che la lettera Z comparsa sui carri armati russi entrati in Ucraina significa "Per la vittoria" e V "Forza nella verità" e "Il compito sarà completato". Ma Boris Rozhin, esperto del Center for Military-Political Journalism, ha suggerito che le lettere potrebbero essere legate al nome del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

LA REAZIONE DELLA CHIESA ORTODOSSA

Va detto che la Chiesa ortodossa russa non consacrerà i dolci pasquali con il simbolo Z. Quando i social media hanno iniziato a postare le foto di tali prodotti sul bancone di un negozio nella regione di Kurgan (Siberia occidentale), Vakhtang Kipshidze, vicepresidente del Dipartimento sinodale per i rapporti della Chiesa ortodossa russa con la società e i media, ha affermato che tali prodotti da forno non possono essere legati alla tradizione cristiana. "Riteniamo che il simbolismo dei dolci pasquali debba rimanere invariato indipendentemente dalle circostanze esterne" ha detto. Allo stesso tempo, ha ammesso che i dolci pasquali con simboli patriottici potrebbero essere prodotti come supporto per l'esercito, ma "al di fuori dello spazio sacro delle chiese".

"COME AI TEMPI DELLA I GUERRA MONDIALE"

Ma anche se la posizione della Chiesa russa sembra abbastanza chiara, il canale tv vicino al Patriarcato, Tsargrad, ha definito le Z-kulich "dolci natalizi che rispondono alle sfide del tempo". Entrando così in diretta polemica con Kesnia Sobchak, giornalista, ex candidata presidenziale e figlia del sindaco che fu il capo di Vladimir Putin, che per prima ha criticato le torte "patriottiche". Ma Tsargrad è scesa in difesa del direttore e proprietario del negozio Chaika a Shadrinsk, Anatoly Pedoshenko, secondo il quale la nuova decorazione della torta di Pasqua è stata una sua idea. "Questo è un omaggio alla tradizione militare" ha detto il canale tv. Pedoshenko ha anche spiegato che anche durante la prima guerra mondiale iniziarono a decorare i dolci pasquali con simboli militari per sostenere i soldati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli