Ucraina, telefonata Zelensky-Meloni: "Sostegno confermato". Kuleba all'Iran: "Basta droni ai russi"

Almeno quattro persone sono rimaste uccise e dieci ferite nell'odierno assalto delle forze di Mosca all'Ucraina, nel  247° giorno di guerra.

Diverse città non lontane dalla centrale nucleare di Zaporizhzhia sono state colpite dai bombardamenti, afferma l'ufficio presidenziale di Volodymyr Zelensky.

Decine di edifici residenziali sono stati danneggiati e le linee elettriche sono state colpite, lasciando migliaia di persone senza luce.

Serhii Korovainyi/Wsjphotos
Danni della guerra, in un giorno qualunque. - Serhii Korovainyi/Wsjphotos

Attacchi e contrattacchi

Secondo Il ministero della Difesa russo, le sue truppe hanno respinto gli attacchi ucraini nella regione di Kharkiv e nelle autoproclamate Repubbliche di Donetsk e Lugansk.

Il portavoce Igor Konashenkov ha aggiunto che cinque depositi di munizioni delle forze armate ucraine sono stati distrutti vicino Donetsk e nella regione di Kherson e un elicottero Mi-8 è stato abbattuto,

"In direzione di Kupyansk", continua il portavoce, "un battaglione nemico ha attaccato le posizioni delle truppe russe verso Berestove. Tutti gli attacchi sono stati respinti. Oltre 150 soldati ucraini, un carro armato, cinque veicoli da combattimento di fanteria, quattro mezzi corazzati per il trasporto di personale e nove pickup sono stati eliminati".

I numeri della guerra

I numeri della mobilitazione parziale russa - ora terminata - secondo il ministro della Difesa Sergei Shoigu: 300.000 uomini arruolati, 82.000 sono già al fronte.

Telefonata Zelensky-Meloni

"La guerra in Ucraina ha visto la Russia lanciare più di 8.000 attacchi aerei e 4.500 missili", ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, che venerdì ha avuto un colloquio telefonico con la neo premier italiana Giorgia Meloni, che ha confermato il sostegno dell'Italia all'Ucraina.
Zelensky ha, infine, invitato il Presidente del Consiglio a visitare il suo Paese.

Volodymyr Zelensky/Twitter
Volodymyr Zelensky durante la telefonata con Giorgia Meloni. (28.10.2022) - Volodymyr Zelensky/Twitter

La guerra dei droni

Dopo gli attacchi subiti dai droni kamikaze iraniani Shahed-136, i droni svolgono ora un ruolo importante anche nel numero crescente di attacchi ucraini alla Russia: i piloti dei droni, ad esempio nella regione di Kharkiv, scelgono gli obiettivi, che vengono poi attaccati con missili.

Il pilota dice che non stanno bombardando, ma solo cercando e prendendo di mira le armi russe che "stanno attaccando le nostre città".

“Chenchen”, pilota di droni dell'esercito ucraino: 
"Facciamo volare il drone, non solo al confine russo, ma anche oltre, nel territorio russo, perché loro stanno sparando da là".

A proposito di droni, colloquio telefonico tra i ministri degli Esteri di Ucraina e Iran, Dmytro Kuleba e Hossein Amir Abdollahian.

Case ridotte in macerie

Mentre i paesi della regione di Kherson, tornati sotto il controllo ucraino, portano le pesanti cicatrici della guerra, i civili stanno vivendo la gioia "agrodolce" di poter tornare alle loro case.
Ma molte sono ridotte in macerie.

Efrem Lukatsky/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.
Bakhmut (Ucraina), 28.10.2022. - Efrem Lukatsky/Copyright 2022 The AP. All rights reserved.