Ucraina: titolare Okmi tour, 'pacchetti turismo estremo a Cernihiv per stranieri'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 24 lug. (Adnkronos) – "Il turismo estremo legato alla guerra in Ucraina sarà straniero. Gli ucraini non visiteranno i luoghi dei combattimenti. La nostra agenzia creerà pacchetti appositi che sappiamo saranno molto richiesti. Abbiamo già un network di hotel disponibili nella zona di Cernihiv, area molto colpita". Lo dice all'Adnkronos Oksana Sokotshaia, titolare di Okmi tour.

"Ad oggi il poco turismo che resta è concentrato su mamme e bambini che mandano i figli nel centro o nell'ovest dell'Ucraina, dove le strutture di ricezione alberghiera sono aperte. Noi di Okmi tour – prosegue – abbiamo subito un crollo del 99%: se prima avevamo 200-300 turisti al mese, adesso si parla di 5-10 richieste mensili".

Chi viaggia? "Il poco movimento che resta è per lo più concentrato su mamme e bambini che mandano i figli al centro o all'ovest dell'Ucraina o in qualche resort. O in alternativa turisti che in autobus si spostano in Moldavia o Polonia per poi andare in paesi come l'Italia", conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli