Ucraina: von der Leyen, 'sanzioni resteranno, no appeasement'

default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Strasburgo, 14 set. (Adnkronos) – Le sanzioni imposte dall'Ue contro la Russia sono "il prezzo per la strada" che ha scelto Vladimir Putin, quella della "morte" e della "distruzione. Voglio essere molto chiara: le sanzioni resteranno. Adesso è il momento di essere risoluti, non è il momento per l'appeasement". Lo sottolinea la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, durante il suo quarto discorso sullo Stato dell'Unione a Strasburgo.

Per von der Leyen, le sanzioni funzionano: "Il settore finanziario russo è in terapia intensiva – aggiunge – abbiamo tagliato fuori dai mercati internazionali tre quarti del sistema bancario russo. Quasi mille imprese internazionali hanno lasciato la Russia. La produzione di auto è caduta di tre quarti rispetto all'anno scorso. Aeroflot deve tenere gli aerei a terra, perché non trova pezzi di ricambio. L'esercito russo sta prendendo microchip da lavastoviglie e frigoriferi per riparare le attrezzature militari, perché scarseggiano i semiconduttori. L'industria russa è a pezzi", conclude.