**Ucraina: Zelensky, 'Mariupol prima era come Lisbona, ora totalmente distrutta'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 apr. (Adnkronos) – "Oggi il ministro della Difesa russo ha fatto rapporto ai leader russo delle azioni belliche nella nostra città di Mariupol, l'avrete sentito tutti. Prima della guerra questa era una città grande probabilmente quanto Lisbona, una città sul litorale marino di quasi mezzo milione di abitanti. Ora è totalmente distrutta". Ad affermarlo di fronte al Parlamento portoghese è il premier dell'Ucraina Volodymyr Zelensky, che oggi ha parlato di fronte ai politici del Portogallo in videoconferenza paragonando Mariupol a Lisbona.

"A Mariupol non c'è neanche un edificio intero, neanche uno -ha incalzato Zelensky- La città è letteralmente bruciata. Per più di un mese i russi hanno tenuto la città in forte assedio senza permettere la consegna degli aiuti umanitari. Centinaia di migliaia dei cittadini civili erano senza cibo, acqua, medicine, senza nulla, sotto continui attacchi e bombardamenti".

Zelensky ha poi parlato dell'esercito russo: "L'esercito russo ha usato l'aviazione per distruggere i rifugi in cui loro sapevano benissimo che lì non c'era nessun altro tranne che i civili -ha detto il premier- Una parte degli abitanti di Mariupol è riuscita a salvarsi. La maggior parte di loro è rimasta letteralmente senza niente, non hanno neanche le foto della propria vita prima della guerra. Tutto bruciato. Dall'inizio dell'invasione a Mariupol sono morti decine di migliaia di abitanti. Non sappiamo neanche la cifra precisa e potremmo anche non saperlo mai, perché i militari russi hanno portato in città i forni crematori mobili", ha ripetuto Zelensky.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli